Marcianise, rifiuti pericolosi interrati abusivamente, arrestato gestore del sito di stoccaggio

Questa mattina la Compagnia di Marcianise, su ordine del GIP presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, ha tratto in arresto l’amministratore di fatto della LEA Srl, società che gestisce una piattaforma di stoccaggio e trattamento di rifiuti (pericolosi e non) sita nell’area industriale del Comune di Marcianise, e un suo collaboratore diretto.

I due arrestati per inquinamento ambientale, Egisto Angelo amministratore della Lea e Marasco Violante autotrasportatore ed ex dipendente Lea, sonoa accusati di aver gestito illegalmente l’impianto, stoccando rifiuti non trattati di diverse tipologie, mescolate tra loro, in quantità decisamente superiori a quelle autorizzate, provocando così numerose perdite di percolato.

Inoltre gli stessi sono indagati per inquinamento ambientale per aver sotterrato al di sotto della piazzola di stoccaggio, diverse tonnellate di rifiuti, fino a una profondità di circa 6 metri dal suolo.

In precedenza, nel mese di ottobre 2018, la stessa Compagnia di Marcianise aveva eseguito il sequestro preventivo dell’intero impianto, poi oggetto di un vasto incendio doloso, che ha provocato la combustione di parte dei rifiuti stoccati e il rilascio di sostanze pericolose nell’atmosfera.