Maria Grazia Cucinotta al “Capua il luogo della lingua festival” per raccontare “Vite senza paura” (VIDEO)

Maria Grazia Cucinotta al Capua il luogo della lingua festival
Credit Photo Aldo Romana
glp-auto-700x150
mywell
previous arrow
next arrow

E’ stata tra gli ospiti più attesi del Capua il luogo della lingua festival edizione 2022. E lei, Maria Grazia Cucinotta, attrice e produttrice cinematografica con oltre 90 film alle spalle e una ribalta internazionale guadagnata con il film “Il Postino” di Massimo Troisi e “Il mondo non basta” della saga 007, ha ricambiato con generosità le attenzioni del pubblico.

Perché lei al festival che da diciassette edizioni celebra i linguaggi della cultura nella città del Placito Capuano, primo documento in volgare datato 960 d.C., è stata fortemente voluta dal direttore artistico Giuseppe Bellone in veste di scrittrice e testimonial dell’associazione “Vite senza paura”, la onlus che dà il titolo al suo ultimo libro edito da Mondadori e che dal 2019dà voce e alle donne che si ribellano alla violenza.

sancarlolab-336-280
sancarlolab-336-280
previous arrow
next arrow

Una battaglia personale e sociale che la Cucinotta porta avanti insieme ad una squadra di donne e professioniste che, a vario titolo, sostengono vittime o combattenti contro violenze fisiche, psicologiche, e contro i pregiudizi di cui è ancora impregnata la nostra società.

Ma prima di incontrare il pubblico del festival, Maria Grazia Cucinotta si è emozionata al cospetto delle “Madri di Capua”, la più ricca collezione al mondo di MatresMatutae, statue votive in tufo risalenti al II secolo a.C. dedicate alla divinità dell’aurora e della nascita, custodite al Museo Campano di Capua diretto da Gianni Solino e dalla presidente Rosalia Santoro.

Poi agli ospiti che gremivano la sala convegni del Museo, Maria Grazia Cucinotta si è raccontata senza risparmio, a partire dall’aggressione subìta a vent’anni e le difficoltà incontrate nel denunciarla, fino alla notorietà e all’impegno di porre la sua notorietà al servizio delle cause per i diritti umani e per la lotta contro i tumori al seno.

L’incontro, moderato dalla giornalista Mariamichela Formisano e dal critico cinematografico Francesco Della Calce, ha rimarcato la collaborazione tra il Capua il luogo della Lingua festival e il Mitreo Film festival di Santa Maria Capua Vetere.

“Tornerò a Capua presto”, ha promesso Maria Grazia Cucinotta prima di salutare la città d’arte che le ha donato le sue produzioni migliori, dalla “Mater Parade” di Roberto Branco a lei ispirata al Conciato Romano di Manuel Lombardi de “Le Campestre”, dai vini di Vigne Chigi di Giuseppe Chillemi alla shopper della linea #SONOSALVO che la giornalista Marilù Musto, insieme all’associazione “La Forza del Silenzio”, ha voluto per raccontare suo figlio e l’autismo attraverso l’arte.

Servizio fotografico a cura di Aldo Romana