Maturità 2018, le tracce della prima prova: Moro, De Gasperi e Bassani

Si aspettavano Pirandello, Ungaretti, Svevo o Dante, ma ancora una volta i 509.307 maturandi che stamattina si sono riuniti sui banchi di scuola sono rimasti piuttosto sorpresi da alcune delle tracce scelte per la prima prova, il classico tema di italiano. “Azzeccate” invece le previsioni su Costituzione e sul quarantesimo anniversario dalla morte di Aldo Moro.

Il Ministero dell’Istruzione ha selezionato tracce originali e di grande attualità, che dovrebbero risultare appetibili per le diverse tipologie di studenti.

Poco dopo le 8.30 i ragazzi si sono trovati davanti, per quanto riguarda l’analisi del testo, un brano dello scrittore Giorgio Bassani, autore del noto libro “Il giardino dei Finzi Contini”, uscito nel 1962. Il tema principale sono le persecuzioni razziali fasciste e naziste nel periodo del secondo conflitto mondiale e la storia raccontata nel libro è quella della famiglia di Silvio Magrini, presidente della comunità ebraica di Ferrara negli anni 30’. La famiglia Magrini nonostante l’arrivo della guerra restò nella città estense, ma dopo l’armistizio del settembre 1943 fu catturata dai nazisti e trasportata ad Auschwitz: nel campo di concentramento diversi componenti della famiglia persero la vita. Su questa traccia probabilmente non mancheranno le polemiche, dal momento che Bassani difficilmente rientra nel programma di letteratura presentato agli studenti.

Per il tema di ordine generale (tipologia D) è stato scelto il principio dell’uguaglianza formale e sostanziale presente all’interno della Costituzione Italiana.

Il tema storico affronta l’argomento della cooperazione internazionale ed è centrato in particolare su due figure che per molti aspetti sono divenute fondamentali nel panorama del Novecento italiano: Alcide De Gasperi e Aldo Moro, ucciso dalle Brigate Rosse nel 1978.

Infine le quattro tracce scelte per il saggio breve. Per il saggio storico-politico l’argomento è “Masse e propaganda”.  I volti della solitudine sono i protagonisti del tema artistico-letterario: gli studenti dovranno sviluppare un proprio componimento utilizzando nel migliore dei modi diversi testi, tra i quali non solo una poesia di Alda Merini ma anche alcuni brani di Petrarca, Pirandello e Quasimodo. Ad aiutarli poi le immagini di opere di Munch e Fattori. In ambito socio-economico il tema scelto è la creatività, in quello tecnico scientifico il dibattito bioetico sulla clonazione.

Seconda prova prevista domani giovedì 21 giugno mentre la terza prova, per la quale questo dovrebbe essere l’ultimo anno, è in programma lunedì mattina.

Loading...