Maxi rissa tra turisti a Roma. Il motivo? Un selfie a Fontana di Trevi

Che il caldo estivo possa dare alla testa è cosa ormai nota, ma il motivo della rissa scoppiata nella serata di giovedì a Roma tra due turiste straniere appare quantomeno assurdo. La lite è nata da un dissidio tra una ragazza olandese di 19 anni e una donna italo-americana di 44 anni: le due hanno discusso perché entrambe avevano la “necessità impellente” di scattarsi un selfie in un punto preciso intorno alla splendida Fontana di Trevi, ritenuto il migliore per immortalare il momento magico ed il monumento alle loro spalle.

Le ipotesi di un atto di cortesia o di attendere qualche secondo per poi scattarsi il selfie non sono state minimamente prese in considerazione dalle donne e così, forse dopo una parola di troppo, le due sono venute alle mani. E’ passato un attimo e le rispettive famiglie si sono lanciate nella rissa, dando vita ad una battaglia a suon di spintoni, schiaffi e pugni che ha coinvolto in totale 8 persone, tra cui tre ragazze minorenni due americane di 17 anni, rispettivamente la figlia della turista americana ed una sua amica, e una tredicenne, sorella della giovane olandese).

La lotta, andata in scena davanti allo sguardo attonito di centinaia di turisti, è stata interrotta solo grazie all’intervento di due agenti della Polizia Municipale. Ma è stata solo una piccola tregua perché pochi minuti dopo i due gruppi hanno continuato a darsele di santa ragione, tanto da costringere i vigili urbani a chiedere l’intervento di altre due pattuglie. Alla fine i turisti hanno riportato solo delle contusioni ma per loro è scattata la denuncia per violenza e minacce.