Mazzata della Guardia di Finanza sui “furbetti” del Comune di Aversa: timbravano il badge in “assenza”

glp-auto-700x150
sancarlo
previous arrow
next arrow

A seguito di un’articolata attività investigativa diretta dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord. è stata eseguita – da parte di personale della Compagnia Pronto I in piego del la Guardia di Finanza di Aversa – un’ordinanza di custodia cautelare clie dispone gl i arresti domiciliari nei confronti di R.P. ed il divieto di dimora nel capoluogo normanno nei confronti di altri dodici soggetti, tutti dipendenti del Comune di Aversa, indagati, a vario titolo, per i reati di falsa attestaz ione di presenza ili serv izio (cd. “Legge Brunetta”) e truffa aggravata ai danni dell’Ente Pubblico.

Il provvedimento prevede, altresì, il sequestro preventivo per equivalente del profitto del reato di truffa a carico di R.P., pari a circa £ 9.100. Le investigazioni che hanno consentito di far emergere i fatti delittuosi per cui si indaga riferentisi a tutto l’anno 2022 – sono state svolte anche attraverso l’uso di telecamere installate in prossimità delle macchine marcatempo, poste presso la Casa Comunale e grazie ad appositi servizi di osservazione e pedinamento.

glp-auto-336x280
lisandro
SanCarlo50
previous arrow
next arrow

Proprio quest’ultimi hanno posto in luce l’atteggiamento truffaldino di R.P. che, nel periodo attenzionato, era solito intraprendere il servizio alle ore dieci del mattino, giustificando fraudolenterrlente la sua assenza dall’ufficio con inesistenti servizi da svolgere all’esterno, per conto del Comune, alterando il sistema automatico di rilevamento delle presenze.

Gli altri indagati, invece, si scambiavano vicendevolmente la “cortesia” di timbrare il cartellino, attestando quindi falsamente ed in maniera indebita la propria presenza all’interno degli uffici comunali.

L’esame delle buste paga e dei tabulati afferenti le presenze in servizio hanno corroborato indefettibilmente il quadro probatorio a carico degli indagati, consentendo di ricostruire l’ammontare esatto dei profitti illeciti realizzati con la descritta condotta truffaldina.