Meteo, da domenica 7 agosto si attenua il caldo africano: temperature più instabili e temporali

Nelle ultime settimane e negli ultimi due mesi la domanda è sempre la stessa: quando finirà quando finirà questo caldo terribile? Il Paese è sotto la scure di temperature di fuoco che spesso hanno superato l’asticella dei 40 gradi in alcune regioni.

La sofferenza è anche delle colture, degli animali, fiumi e bacini in secca, paesaggi trasformati. Ma cosa dicono le previsioni, avremo un po’ di respiro, e quando?

Le notizie riguardano la giornata di domenica 7 agosto, nel corso della quale le temperature dovrebbero scendere anche se non di moltissimo, con temporali sparsi a partire finalmente dalle regioni del sud.

Meteo.it ci dice quindi che dal 7 agosto ci sarà uno stop all’ondata di caldo al Nord con forti temporali e grandine. In seguito valori in calo anche nel resto d’Italia, un calo delle temperature più evidente tra martedì 9 e mercoledì 10 quando complessivamente si resterà al di sotto della soglia dei 35 gradi.

La quinta ondata di calore di questa estate segnerà anche la prima domenica di agosto sull’Italia: tuttavia, assisteremo ad una prima attenuazione della canicola sulle regioni settentrionali, dove il termometro non dovrebbe superare i 32-33 gradi.

La tendenza successiva conferma la cessazione ovunque dell’ondata di calore, con un calo delle temperature più evidente tra martedì e mercoledì quando, complessivamente, si resterà al di sotto della soglia dei 35 gradi. Lunedì 8 agosto, invece, ultimi picchi di caldo intenso all’estremo Sud e sulle Isole dove si potranno raggiungere i 36-37 gradi.

Riassumendo, la quinta ondata di caldo dell’estate andrà avanti fino a lunedì 8 agosto mentre da martedì 9 si avrà una svolta segnata da temporali.

Dal punto di vista del tempo, con l’indebolimento dell’alta pressione e una maggiore ingerenza del flusso atlantico verso il Mediterraneo, l’atmosfera diverrà più instabile anche sulle regioni centro-meridionali, con un aumento del rischio di rovesci o temporali non solo attorno alle zone montuose ma, isolatamente, anche verso le zone di pianura e di costa delle regioni meridionali, soprattutto nella giornata di martedì.

Fonte www.meteo.it