Meteo, primavera in ritardo: in settimana attesi freddo e pioggia

Abbonati Quotidiano Accedi Menu di navigazione Contenuti per gli abbonati Sezioni Commenti Cronaca Cultura Design Economia Esteri Giochi Green&Blue Londra Mondo Solidale Motori Podcast Politica RepTv Rubriche Salute Sapori Scienze Scuola Repubblica@Scuola Robinson Serie Tv Spettacoli Sport Tecnologia Vaticano Viaggi Roma Milano Bari Bologna Firenze Genova Napoli Palermo Parma Torino Speciali Oncologia Salute Seno Giochi senza barriere Europa, Italia Inserti Affari&Finanza D Il Venerdi L'Espresso Robinson Servizi Annunci Aste Giochi e Scommesse Guida Tv Ilmiolibro Lavoro Meteo Necrologie Oroscopo Repubblica + Trovacinema Consigli.it Dizionari Ricette Newsletter Redazione Scriveteci Cronaca Meteo, primavera in ritardo

La primavera tarderà ad arrivare. E anzi la prossima settimana, che precede proprio l’equinozio, vedrà condizioni meteo più simili all’inverno che ci apprestiamo a salutare. Si prevedono infatti temperature più basse e, in alcune regioni, anche fenomeni tipici dei mesi più freddi. Quelli appena trascorsi sono stati insomma gli ultimi giorni di bel tempo per un po’.

Come riportato da 3Bmeteo.com, per le regioni meridionali della nostra penisola quella che inizia lunedì 15 marzo sarà una settimana dai connotati tipicamente invernali. Nella giornata di domenica un rapido sistema frontale raggiungerà le regioni meridionali, dando luogo a nuove piogge in Campania e, dalla sera, rovesci intermittenti anche su Calabria tirrenica e Nord Sicilia; alla perturbazione si assocerà un sensibile calo delle temperature e un deciso rinforzo dei venti nordoccidentali.

Lunedì temporaneo miglioramento in Campania, spiccata variabilità e residui rovesci su Sicilia nordorientale e bassa Calabria. Nel corso di martedì un secondo nucleo d’aria fredda dal Nord Europa innescherà una rapida accentuazione dell’instabilità atmosferica a partire dall’Appennino Campano e, nuovamente, sui settori tirrenici di Calabria e Sicilia.

La neve tornerà ad imbiancare i rilievi a quote variabili dagli 800 ai 1200 metri. Mari da mossi a molto mossi. Il maltempo e le temperature inferiori alle medie climatiche del periodo sono destinati ad insistere anche nel corso della seconda parte della settimana.”