Il mistero dell’universo: la donna

Siamo all’alba del terzo millennio, ma in tutti questi secoli, una cosa non è mai cambiata: la donna! Certo, sono cambiate molte cose, ma lei, è sempre la stessa, solo che oggi rispetto ai secoli scorsi, è sbocciata, uscita fuori da quel guscio che la rinchiudeva, la opprimeva, è finalmente libera, di pensare, agire e scegliere!

La donna è stata sempre un mistero, ed era talmente forte, il mistero, che nel periodo medievale ad esempio, incuteva paura e terrore, e per esorcizzare stupidi pensieri, la si combatteva in ogni modo, fino ad arrivare ad accusarla, nei casi più gravi, di stregoneria.
Oggi è lo stesso, solo con modalità diverse;basta leggere qualcuno dei più noti luoghi comuni per comprendere quanto si attacchi la donna “gratuitamente”:
– Chi dice donna dice danno
– Prima il bacio e poi le unghie: così fan tutte.
– Donne e motori, gioie e dolori.

Ma, spesso ci dimentichiamo, che siamo nati da una donna, siamo cresciuti con una donna, educati da più donne, mamme, zie e nonne, fino al momento cruciale…la scelta (ops, è quello che pensiamo di fare, ma in verità è il momento in cui noi veniamo scelti!) della… donna della nostra vita!

E già, noi pensiamo di scegliere, ci guardiamo intorno, le amiche delle sorelle, la compagne di banco, per strada, in ufficio, al bar, al supermercato, sulla metro, in treno, sull’autobus, in aereo, senza renderci conto che non avverrà mai nulla se non saremo scelti; loro, le donne, hanno un sesto e forse anche un settimo senso, vanno al di là di quelli che sono i canoni di ricerca, che muovono noi uomini, un bel fisico, dei bei capelli, generose scollature, un lato b interessante, occhi profondi, loro ci guardano dentro e poi fuori, sono donne!

E da quel momento, siamo persi, la battaglia non è ancora iniziata che abbiamo firmato già la resa incondizionata! Ed è qui, che nasce la magia!
Se siamo collaborativi , condividiamo le sue aspettative e lei fa lo stesso con i nostri pregi e difetti, allora nasce un qualcosa che dura nel tempo; se ciò invece non avvenisse, allora il rapporto ,sbilanciato, dipenderà solo da lei perché lei ,in quanto donna,sarà capace di leggere le nostre potenzialità, anche quelle più nascoste.