Movida Caserta, dimissioni consulente Paglia: La UIL FPL Caserta solidale con la Polizia Municipale

Mimmo Vitale Segretario UIL CAserta
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Apprendo, leggendo la stampa dei giorni scorsi, delle dimissioni del Colonnello Paglia dall’incarico di Consulente del Sindaco di Caserta in materia di “sicurezza cittadina, con particolare riguardo ai fenomeni di movida e con l’incarico di coordinare le attività di un tavolo di concertazione costituito dal Comandante della Polizia Municipale (o suo delegato), le associazioni di categoria, i sindacati, rappresentanti del mondo della scuola, il Comitato Vivibilità Cittadina e la rete associativa della Città di Caserta”, conferitogli dal Sindaco Marino in data 08 novembre 2021 con decreto sindacale n. 66.

Lo scrivente, in qualità di Segretario Generale della Uil Fpl di Caserta, auspica in un ripensamento da parte del Colonnello Paglia, che sicuramente potrebbe continuare a fornire un contributo concreto al contrasto dei risvolti negativi dovuti al fenomeno della “movida”, così come è solidale con i cittadini per i disagi costretti a subire ed, ovviamente, condanna chi non rispetta le regole.

glp-auto-336x280
lisandro

Ciò posto, i riferimenti appresi dalla stampa riguardo la Polizia Municipale della città di Caserta, anch’essa chiamata in causa, meritano un approfondimento, affinché possa sgombrarsi il campo da ogni possibile strumentalizzazione che non porterebbe vantaggi a nessuno.

Brevemente, il Comando di Polizia locale della città di Caserta, a fronte di 122 unità di dotazione organica previste dalla normativa regionale vigente, attualmente conta n. 61 dipendenti in servizio, di cui 23 idonei al servizio esterno, con la rimanente parte esonerata a seguito di valutazione mediche periodiche effettuate dalle autorità mediche competenti, come previsto dalla legge. L’età media dei dipendenti in servizio è pari a 57 anni circa, segno che da svariati anni, oramai, non si procede ad effettuare assunzioni.

Ciò nonostante, i pochi dipendenti di polizia locali idonei, coordinati con impegno, efficienza ed efficacia dal Comandante De Simone, svolgono con abnegazione e senza risparmio di energie il proprio lavoro per contrastare i fenomeni deleteri della movida in materia di polizia amministrativa, di cui sono titolari esclusivi, collaborando con le altre forze dell’ordine nel caso di eventuali (e, purtroppo, ricorrenti) episodi in cui viene turbato l’ordine pubblico.

L’ ordine pubblico e la tranquillità della popolazione residente devono basarsi su un patto di coesione sociale che vede i cittadini, le associazioni e lo Stato (in senso lato) uniti, marciando in una sola direzione sul modello della società francese, e non esercitando processi sommari che rischiano di generare incomprensioni ed attriti, in un clima sempre crescente di diffidenza.

In conclusione, rinnovando all’Amministrazione comunale di Caserta la disponibilità, a nome dell’Organizzazione sindacale che rappresento, a trovare soluzioni concrete e condivise, rinnovo la solidarietà ai cittadini che subiscono i disagi, agli esercenti che rispettano le regole ed ai dipendenti della Polizia Municipale di Caserta che, nonostante gli organici ridotti all’osso e l’età avanzata, si impegnano ogni giorno per il buon andamento e la soluzione dei molteplici adempimenti a cui sono preposti, con particolare riferimento alle notti pazze della movida, quando in due o tre si ritrovano a fronteggiare centinaia di giovani non sempre sobri, senza mai arretrare, dimostrando spiccato coraggio e senso del dovere.