Movida violenta a Maddaloni, minorenne arrestato per tentato omicidio

Movida violenta a Maddaloni, minorenne arrestato per tentato omicidio
glp-auto-700x150
sancarlo
previous arrow
next arrow

La Polizia di Stato di Caserta ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un 17enne di Maddaloni, indagato per il tentato omicidio di un coetaneo, su delega della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Napoli. Il giovane è stato collocato in un istituto penale per minori.

La notte tra il 20 ed il 21 luglio 2023, davanti ad un noto locale di Maddaloni, un litigio per futili motivi tra ragazzi ha portato uno dei giovani a estrarre un coltello di grosse dimensioni. Questo ha indotto l’altra parte a congedarsi per evitare guai maggiori. In seguito, quando sembrava che la rissa fosse vitata, il giovane con il coltello, sempre 17enne e di Maddaloni, ha raggiunto nuovamente i ragazzi che si erano allontanati, aggredendo ripetutamente uno di loro con l’arma da taglio, causandogli ferite gravi alla testa e alla schiena. La vittima è stata tempestivamente trasportata in codice rosso all’Ospedale di Caserta per ricevere le cure del caso.

HONDA-LIVE-TOUR
lapagliara
lisandro
SanCarlo50
previous arrow
next arrow

Le indagini condotte dalla Squadra Mobile di Caserta, sotto la guida della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Napoli, hanno permesso di identificare rapidamente il sospettato grazie alla combinazione di dichiarazioni testimoniali, immagini di videosorveglianza, dati telefonici e telematici. Il presunto colpevole è un diciassettenne di Maddaloni, con diversi precedenti penali per reati contro le persone, e soggetto a un divieto di accesso alle zone urbane a forte affluenza emanato dal Questore di Caserta lo scorso 7 gennaio 2024.

Basandosi sui risultati delle indagini preliminari, il pubblico ministero dottor Nicola Ciccarelli ha richiesto all’autorità giudiziaria presso il Tribunale per i minorenni di Napoli un’ordinanza di custodia cautelare con il collocamento del sospettato in un istituto penale per minori. L’atto è stato eseguito dalla Squadra Mobile di Caserta, che ha associato il giovane presso l’Istituto Penale per i Minorenni di Napoli-Nisida.

Il fatto è stato reso noto dalla questura di Caserta. Tuttavia, va sottolineato che gli indagati non possono essere ritenuti colpevoli finché non è stata emessa una sentenza definitiva, ed in attesa di giudizio definitivo devono essere considerati innocenti. Il provvedimento di custodia cautelare è stato adottato solo sulla base dei dati raccolti durante la fase di indagine preliminare.