Muore Sudan, l’ultimo maschio di rinoceronte bianco settentrionale al mondo

E’ morto nelle scorse ore in Kenya, nella riserva di Ol Pejeta, l’ultimo rinoceronte settentrionale bianco maschio del mondo. Sudan, questo il nome dell’animale, si è spento a 45 anni: gli è stata praticata l’eutanasia a causa dell’aggravarsi delle sue condizioni di salute, dovute all’età avanzata e ai problemi muscolari e ossei di cui soffriva.

Si tratta di una perdita molto grave, che apre il dibattito sulle migliaia di specie ad altissimo rischio di estinzione tra le quali ci sono, appunto, i rinoceronti. Se questi animali rischiano di scomparire per sempre gran parte delle responsabilità sono attribuibili all’essere umano e ad attività nocive per l’ambiente e per gli ecosistemi, tra le quali rientra ad esempio il bracconaggio.

Nella riserva di Ol Pejeta vivono ora gli ultimi due esemplari di rinoceronte settentrionale bianco, entrambi di sesso femminile. Si tenterà di evitare l’estinzione di questa specie tramite la fecondazione in vitro, ma il risultato ovviamente non è assicurato.

Sudan era arrivato nella riserva del Kenya da uno zoo della ex Cecoslovacchia: apparteneva a quella che una volta era la terza specie animale più popolosa dell’Africa, dopo l’elefante e l’ippopotamo.

Ad oggi, stando a quanto riporta la ong animalista Wild Aid, ci sono meno di 30mila rinoceronti in tutto il mondo: 20mila rinoceronti bianchi meridionali, 5mila rinoceronti neri, 3500 rinoceronti con un solo corno, circa 100 rinoceronti di Sumatra e 60 rinoceronti di Giava, oltre alle due femmine di rinoceronte settentrionale bianco cui spetterà l’arduo compito di provare a far sopravvivere la propria specie.