Il Museo di Arte Contemporanea di Caserta aderisce a #giornatadelcontemporaneo

Sabato 5 dicembre torna la Giornata del Contemporaneo, la manifestazione promossa da AMACI che da 16 anni coinvolge musei, fondazioni, istituzioni pubbliche e private, gallerie, artisti ed appassionati di arte contemporanea nel nostro Paese, per testimoniare la vitalità dell’arte contemporanea in Italia.

Questa edizione cade in un anno complesso, profondamente condizionato dall’emergenza pandemica: si svolgerà, quindi, su un doppio binario, in presenza e online.

Il Museo di Arte Contemporanea Città di Caserta aderisce all’iniziativa avviando la seconda fase della mostra virtuale L’Architettura dell’Arcobaleno, che già ha visto la partecipazione di oltre trenta artisti campani di fama nazionale e internazionale.

Viene poi lanciato un nuovo progetto, Le Ragioni dell’Amore.

L’iniziativa parte dalla convinzione che il rapporto che ogni essere umano ha con l’opera d’arte è una relazione profonda e individuale.

Per quanto sia possibile scrivere e descrivere un’opera – sottolinea il responsabile del Museo, Massimo Sgroiessa sfugge, alla fine, alle logiche della critica per diventare un rapporto d’amore, di odio ma, mai, di indifferenza. Come sosteneva Kandinskji, comunque, per quanto brutta ogni opera modifica l’osservatore, Con questo progetto vogliamo entrare proprio nella dimensione individuale del rapporto osservatore/opera”. La domanda che sarà posta ai partecipanti è, di per sé, semplicissima: quale opera d’arte contemporanea (intendendo per questa i lavori dagli anni 60 ad oggi) hai amato di più? Quella di fronte alla quale non sei riuscito a rimanere indifferente ma che ha avuto un forte impatto sentimentale, prima ancora che razionale, dentro di te“.

In questo momento in cui i musei sono chiusi o fortemente limitati nella fruizione – spiega l’assessora alla Cultura, Lucia Monaco – abbiamo pensato di usare il web per porre questa domanda partendo da chi fa a vario titolo parte del mondo dell’arte contemporanea, ad intellettuali e creativi, ma intendiamo estenderla, poi, a tutti i cittadini appassionati che vogliano dare la loro testimonianza. Sarà interessante capire il rapporto che il nostro territorio ha con la concezione estetica dell’arte contemporanea e cosa significhi per ognuno il concetto di Bellezza nell’arte“.

Ai partecipanti sarà chiesto di indicare l’opera che più sentono appartenere loro e produrre un breve video (massimo 60 secondi) in cui descrivono la sua percezione e cosa la rende l’opera più amata. O, in alternativa, un breve testo.

Tutti gli interventi verranno pubblicati sulle pagine facebook ed instagram del Museo di Arte Contemporanea della Città di Caserta. Alla fine, confluiranno in un video realizzato dalla regista Barbara Rossi Prudente.