“Napoli scontrosa” il nuovo libro di Davide Vargas il “letterato architetto” a Capua

SANCARLO50-700
delpicar700
ENJOY1
previous arrow
next arrow

Sono ripresi a pieno ritmo gli incontri #fuorifestival di Capua il Luogo della lingua al Circolo dei lettori di Capua – Cose d’Interni Libri.

Per tutto l’anno, una serie di eventi che rientrano nel Patto per la lettura per Capua Città che legge.

Scrittori, giornalisti, lettori, studenti, scienziati, fotografi e architetti si danno appuntamento a Capua, la città della Lingua.

Sabato 12 novembre alle 19.00 per l’appuntamento TERRA DI LAVORO SCRIVE condotto da Marilena Lucente, un ospite d’eccezione, il “letterato architetto” Davide Vargas, le cui “narrazioni” siamo abituati a seguire su la Repubblica con il suo libro “Napoli scontrosa” edito da La nave di Teseo.

Il libro
Napoli è una città bellissima, complessa, sfaccettata e ricca di contrasti. Il modo migliore per comprenderne la forza e la bellezza è dal suo interno, passeggiando per le sue strade, per i suoi vicoli e i suoi rioni, a contatto diretto con i luoghi.

L’architetto Davide Vargas raccoglie in questo volume centocinquanta scorci della città partenopea e dei suoi dintorni. Tutte queste piccole narrazioni sono intrise di nostalgia ma anche ricche di tagliente lucidità, frutto dell’occhio attento dell’autore.

Il racconto della città diviene così un atlante di coscienza i cui frammenti ricompongono un’immagine unitaria. Perché la bellezza non risiede solo in ciò che è più evidente e non ha sempre bisogno di palazzi grandiosi, a volte si nasconde e solo un occhio vigile e un cuore pronto riescono a trovarla. I luoghi, ed è bene tenerlo sempre a mente, sono “scontrosi” e non basta guardarli per comprenderli, bisogna saperli osservare per poi poterli raccontare.

“Ogni viaggio in questa città è insieme viaggio nei tempi stratificati dei luoghi. Non c’è mai solo il presente ma sempre l’intreccio dei segni plurimi che costituiscono l’irripetibilità del paesaggio.”

Davide Vargas è nato ad Aversa e vive a Napoli. I suoi progetti sono pubblicati sulle maggiori riviste di architettura (“Domus”, “l’Arca”, “Spazio e Società”, “d’Architettura”), esposti nel mondo (alla Biennale di Venezia, a Londra, a Tokyo) e premiati. Ha pubblicato la trilogia “dei luoghi parlanti”: Racconti di qui (2009) dedicato “alla mia terra che offre continui spunti di dolore e amore”, Racconti di architettura (2014) e nel 2017 L’altra città [guida sentimentale di Napoli].

“Sono architetto. Vivo e lavoro ‘qui’. Progetto, scrivo, disegno. A chi mi chiede rispondo che praticamente faccio sempre la stessa cosa: costruire con i linguaggi che possiedo tasselli di una personalissima cattedrale.”