“Natale tra le mani” il progetto dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Caserta

SANCARLO50-700
ENJOY1
delpicar-t-toc
previous arrow
next arrow

Lunedì 28 novembre avviato il progetto “Natale tra le mani“, che vede impegnati un gruppo di ragazzi della U.I.C.I. di Caserta (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) nella realizzazione della natività. Il maestro presepista, consigliere sezionale il Dott. Angelo Dimaio, attraverso la lavorazione di legno, sughero ed incollanti ha guidato con mano i ragazzi nella realizzazione della capanna che ospiterà la sacra famiglia.

Il consigliere U.I.C.I. Angelo Dimaio: “I ragazzi in primis hanno potuto toccare e vedere la differenza dei materiali, successivamente si è passati alle forme delle componenti per la capanna, creando così lo schema strutturale per l’assemblamento della stessa. Il lavoro ha consentito due importanti attività, la prima riguarda la sensibilità tattile ai materiali, la seconda il movimento fine utile all’assemblaggio dei pezzi”.

MORRA-SMART
simplyweb2023
previous arrow
next arrow

Il presidente U.I.C.I., l’avv. Giulia Cannavale: “Con questa attività oltre ad avviare un processo di continuità delle attività del campo estivo della I.Ri.Fo.R. Campania autonomia e cooperazione, progetto al quale la U.I.C.I. Caserta collabora con grande sinergia da anni, abbiamo voluto che i nostri ragazzi continuassero a potenziare le competenze e le capacità sviluppate, sia a livello cognitivo che relazionale, basi funzionali per una piena autonomia personale”.

Vincenzo del Piano, presidente U.N.I.Vo.C. Caserta: “è sempre una grande emozione collaborare con i nostri volontari in attività capaci di regalarci sorrisi e momenti di grande convivialità, non vediamo l’ora che la natività dei ragazzi sia completata, sarà sicuramente un momento magico per tutti noi”.

“Natale tra le mani”, la natività a Caserta, prevede altri due appuntamenti, il posizionamento delle statuine, un momento di studio dello spazio tempo, dove sono collocati i personaggi e perchè, per poi concludere l’attività a Napoli a San Gregorio Armeno, con una visita guidata tra le botteghe dei più grandi maestri presepisti del mondo.