Liberata dai volontari la cagnolina bloccata in un edificio abbandonato della Saint Gobain. Il Video

L’appello disperato dei volontari: “Senza stallo le forze dell’ordine non la liberano”.

Aggiornamento
Era iniziata così questa brutta storia per la cagnetta intrappolata al 6° piano di un edificio abbandonato nella zona dell’ex Saint Gobain a Caserta che non poteva essere liberata “formalmente” perché non c’è uno stallo ad accoglierla e qualche ordinanza comunale dice che non possono essere liberati randagi per lasciarli sul territorio.

La cagnolina, una femmina di circa un anno, molto deperita e smagrita ha sofferto molto, fin quando non ha trovato degli angeli, numerosi volontari, soprattutto ragazzi che si sono prodigati per nutrirla e farle compagnia e soprattutto l’hanno liberata da soli, autonomamente, senza l’aiuto delle forze dell’ordine.

Purtroppo il canile di Caserta è chiuso, o meglio, non si possono più accogliere animali per problemi tecnici e burocratici, una lunga storia fatta di superlavoro dei volontari e assenza di fondi per la gestione della struttura.

Insomma è stata una bagarre da cui non se ne poteva uscire se non con l’amore e la tenacia dei volontari.

Non sappiamo per quanto tempo il cane sia rimasto intrappolato in quel palazzo al60esimo piano, sappiamo purtroppo che il suo compagno di viaggio, un altro cagnolino, è stato trovato morto di stenti e fame qualche giorno fa. Inorridiamo all’idea delle sofferenze che avrà patito.

Ringraziamo tutti – scrive Luca Mandarino, uno dei volontari impegnati nel salvataggio –  si è davvero mossa tanta gente! Per ora il problema principale resta trovarle uno stallo, ma almeno è al sicuro, fuori da un palazzo pieno di topi e ferri arrugginiti in ogni angolo”. 

Per giorni i volontari hanno lanciato appelli per ricevere aiuto, oggi l’appello lo lanciamo anche noi dalle pagine di Casertaweb. Salviamo questo povero cane, troviamogli uno stallo, un’adozione, una famiglia. Caserta si mobiliti.