Niente più dubbi davanti ai cassonetti, adesso i rifiuti si differenziano con lo smartphone

GIORDANI
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Cambiamento nei calendari del porta a porta comunale? Dubbi, confusione? A Calvi Risorta è arrivata Junker, l’app per la raccolta differenziata che ogni giorno aiuta 3 milioni di italiani a gestire in modo corretto e sostenibile i propri rifiuti.

Isola Verde Ecologia, che si occupa dei servizi ambientali sul territorio, ha infatti deciso di seguire l’esempio degli oltre 1800 Comuni che, da Nord a Sud, hanno adottato questa applicazione, mettendola gratuitamente a disposizione dei propri cittadini.

glp-auto-336x280
lisandro

COME FUNZIONA

Per iniziare a usare Junker, basta scaricare l’app sul proprio smartphone (Android, Apple o Huawei). Da quel momento i cittadini di Calvi Risorta avranno a disposizione un vero e proprio tutor personale, che li aiuterà a differenziare senza errori. In caso di dubbi, basta inquadrare il codice a barre dell’imballaggio o, se non presente, scattare una foto al prodotto, per sapere in tempo reale di quali materiali è composto e come va conferito.

E, siccome le regole per la differenziata non sono uguali in tutta Italia, Junker app – grazie alla geolocalizzazione – è in grado di personalizzare le informazioni in base al territorio in cui si trova l’utente. Utile a casa, quindi, per evitare multe, ma anche quando ci si sposta in un altro Comune per lavoro o vacanza.

Junker, che è tradotta in 12 lingue, è accessibile ai non vedenti. E, grazie a un database interno di oltre 1 milione e 800 mila prodotti, è la guida alla raccolta differenziata più accurata d’Europa. Se tuttavia dovesse capitare che non riconosca il prodotto, l’utente può scattargli una foto, trasmetterla all’app e ricevere in pochi minuti le informazioni per conferirlo correttamente. La referenza sarà poi aggiunta al database, valorizzando così la collaborazione dei cittadini.

UN’UNICA APP, TANTI SERVIZI PER L’AMBIENTE E LA SOSTENIBILITÀ

Il riconoscimento degli imballaggi è solo uno dei tanti servizi di Junker, che riunisce in un’unica piattaforma tanti diversi strumenti. Al suo interno i cittadini troveranno infatti i calendari sempre aggiornati dei ritiri, con la possibilità di attivare le notifiche, che ogni sera ricordino la raccolta del giorno dopo.

E ancora quiz per imparare sì a differenziare, ma anche a ridurre i propri rifiuti, mappe di tutti i punti di raccolta e le buone pratiche di economia circolare presenti sul territorio. Grazie a Junker, avranno anche la possibilità di ricevere messaggi diretti dall’amministrazione comunale in merito ad avvisi, iniziative, interruzioni o cambiamenti nei servizi pubblici.

“Io l’ho scaricata e funziona benissimo!”, assicura il sindaco di Calvi Risorta Giovanni Lombardi, che invita i suoi concittadini a fare altrettanto. “Ringrazio l’assessore all’ecologia Graziella Cipro e il Direttore dell’Esecuzione del contratto sui rifiuti ing. Saturnino Di Benedetto, per aver reso possibile questo obiettivo, che è espressione di grande civiltà”.

VANTAGGI AMBIENTALI ED ECONOMICI

“C’è una ragione se Junker è stata scelta come piattaforma per l’economia circolare da oltre 1800 Comuni italiani”, sottolinea la responsabile comunicazione, Noemi De Santis. “Grazie ai nostri servizi, le amministrazioni sono in grado di veicolare facilmente a tutti i cittadini le informazioni personalizzate per il proprio territorio, che li aiutano a rendere la sostenibilità un’abitudine quotidiana. Non abbiamo dubbi che anche a Calvi Risorta la nostra app innescherà una rivoluzione positiva nella differenziazione dei rifiuti”.

Tanti piccoli gesti possono infatti produrre grandi cambiamenti. A livello ambientale, innanzitutto: è stato dimostrato che, per ogni kg di rifiuti correttamente differenziati, si risparmiano circa 3 kg di CO2 equivalente emessi in atmosfera. Ma anche a livello economico, perché, migliorando la quantità e la qualità della propria raccolta differenziata, il Comune di Calvi Risorta vedrà in poco tempo ridursi i costi di gestione dei rifiuti urbani e aumentare i guadagni provenienti dai Consorzi delle materie.