Caserta, No all’abbattimento di 21 alberi sani in Villetta Padre Pio, parte la raccolta di firme online

No all’abbattimento dei 21 alberi sani ad alto fusto nel centro di Caserta” è questo il titolo della petizione online lanciata su Change.org da Marco Palomba all’indirizzo No all’abbattimento dei 21 alberi sani. e indirizzata al Sindaco di Caserta Carlo Marino, alla LIPU, al WWF e a Greenpeace.

Obiettivo della raccolta raggiungere almeno 1000 firme e mentre scriviamo questo articolo sono già 545 le sottoscrizioni.

Questo il testo della petizione:

Piazza Padre Pio è una villetta al centro della città di Caserta caratterizzata da una florida vegetazione e circa una quarantina di alberi sani ad alto fusto.

La piazza versa da molti anni in condizioni di degrado e abbandono, per cui urge  un serio intervento di riqualificazione. Il Comune di Caserta è riuscito a ottenere l’erogazione di fondi comunitari, riconducibili al fondo PICS, per realizzare l’intervento richiamato. Tuttavia, il progetto approvato dal Comune prevede l’ABBATTIMENTO DI 21 ALBERI AD ALTO FUSTO, senza ripiantumazione, ed è stato sviluppato senza andare incontro alle reali esigenze dei fruitori della piazza.

Chiediamo al Comune di Caserta e, in particolare, al RUP, ing. Francesco Biondi, di prevedere una VARIANTE IN CORSO D’OPERA al fine di:

1. NON ABBATTERE nessun albero sano. Se alcuni alberi dovessero essere necessariamente abbattuti, per comprovati motivi di sicurezza e non di progetto, prevedere la ripiantumazione degli stessi in numero pari a quelli abbattuti più 1/3;

2. prevedere una recinzione che salvaguardi la SICUREZZA dei bambini nella zona in cui saranno disposte le giostre;

3. prevedere una area dedicata ad uso esclusivo dei cani (c.d. sgambatoio), a oggi presente in una sola piazza della nostra Città e, in ogni caso, assolutamente inadeguato all’uso adibito;

4. preservare la Statua di Padre Pio, cara a molti cittadini e simbolo della piazza a cui da il nome.

Firma la petizione per sensibilizzare chi di dovere sui punti di cui sopra, soprattutto per quanto concerne l’abbattimento degli alberi in una città come la nostra afflitta dall’inquinamento e caratterizzata dalla una delle più alte incidenze di tumori in Italia.

Loading...