Notte Nazionale dei Licei classici: il mondo classico riprende vita

Il Liceo classico italiano affonda le proprie radici in tempi non molto recenti: fu infatti istituito nel 1859 grazie alla legge Casati, ma è ancora oggi considerato uno tra gli indirizzi scolastici più formativi e rilevanti della scuola italiana. E’ stato a lungo al centro del dibattito secondo cui l’insegnamento di alcune materie, in primis la lingua greca e latina, sia obsoleto e distante dall’approccio con il nuovo millennio.

Ad occupare una forte posizione in questa accesa discussione fu di certo il liceo classico “Gulli e Pennisi” di Acireale, in Sicilia, dove a cura di un professore dell’istituto, Rocco Schembra, nel 2015 fu realizzato un progetto molto innovativo: “la Notte dei Licei classici”, una serata interamente dedicata ai talenti degli studenti in svariati campi: musica, teatro, danza e molti altri. Il tutto animato dalla volontà di rappresentare il Liceo classico come un indirizzo vivo e dinamico. Dapprima suscitò molto interesse e partecipazione solo ad impronta locale, nonostante stesse per diventare molto di più.

Nel giro di un anno fu concretizzato l’intento di ampliare il progetto a livello nazionale e quest’anno, per la V edizione, le adesioni sono di ben 433 istituti. La Notte ormai Nazionale dei Licei classici quest’anno avrà luogo per tutte le scuole il giorno 11 gennaio 2019 dalle ore 18:00 alle 24:00: una completa immersione di sei ore nel mondo classico.

La manifestazione del Liceo Classico “Giulio Cesare” di Roma verrà ripresa in diretta a cura di RAI Cultura e RAI Scuola, partner che si riveleranno fondamentali per ampliare ancora di più il raggio di condivisione della Notte Nazionale. Il suo creatore è inoltre stato invitato a presentare il modello di questa iniziativa a febbraio ad Atene, per rilanciare con forza il messaggio d’amore per quella cultura nata e sviluppatasi nella stessa città, nella speranza che anche lì questo tipo di evento sia accolto e condiviso.

Loading...