Oltre 2600 posti per il Servizio civile universale. C’è tempo fino al 30 settembre per le domande

Sono 2.613 i posti disponibili per i giovani tra i 18 e 28 anni che vogliono diventare operatori volontari di servizio civile.

Fino alle ore 14.00 di venerdì 30 settembre 2022 è possibile presentare domanda di partecipazione ad uno dei 268 progetti che si realizzeranno tra il 2022 e il 2023 in Italia. In particolare:

-1.638 operatori volontari saranno avviati in 212 progetti afferenti a 62 programmi di intervento del “Servizio civile digitale”;

-522 operatori volontari saranno avviati in 66 progetti afferenti a 26 programmi di intervento di per la sperimentazione del Servizio civile digitale – anno 2021;

-441 operatori volontari saranno avviati in 54 progetti afferenti a 22 programmi di intervento del “Servizio civile ambientale”.
I progetti hanno una durata di 12 mesi, con un orario di servizio pari a 25 ore settimanali oppure con un monte ore annuo di 1.145 ore per i progetti di 12 mesi. Per poter partecipare alla selezione occorre innanzitutto individuare il progetto di SCU.

Gli aspiranti operatori volontari dovranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on Line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it.

Le domande di partecipazione devono essere presentate entro e non oltre le ore 14.00 del 30 settembre 2022.

Per accedere ai servizi di compilazione e presentazione domanda sulla piattaforma DOL occorre che il candidato sia riconosciuto dal sistema.

1 – I cittadini italiani residenti in Italia o all’estero possono accedervi esclusivamente con SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale. Sul sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale www.agid.gov.it/it/piattaforme/spid sono disponibili tutte le informazioni su cosa è SPID, quali servizi offre e come si richiede.

Per la Domanda On-Line di Servizio civile occorrono credenziali SPID di livello di sicurezza 2.

2 – I cittadini di Paesi appartenenti all’Unione europea e gli stranieri regolarmente soggiornanti in Italia, se non avessero la disponibilità di acquisire lo SPID, potranno accedere ai servizi della piattaforma DOL attraverso apposite credenziali da richiedere al Dipartimento, secondo una procedura disponibile sulla home page della piattaforma stessa.

Si precisa che gli enti dovranno pubblicare sui propri siti tali schede in concomitanza con il Bando e provvedere ad inserire nel sistema Helios gli url relativi alle rispettive pagine di pubblicazione, utilizzando un’apposita funzione che sarà prossimamente disponibile. Le istruzioni per svolgere tale operazione saranno contenute in un manuale d’uso che sarà pubblicato su Helios.

Per info e dettagli allegati www.ancicampania.it