Omicidio di Gennaro Leone, anche il Comune di San Marco Evangelista si costituisce parte civile nel processo

Piazzetta Correra a Caserta, il luogo in cui durante una lite Gennaro Leone fu colpito a morte
SANCARLO50-700
ENJOY1
delpicar-t-toc
previous arrow
next arrow

Il Comune di San Marco Evangelista, con atto di Giunta comunale n.34 del 25/03/2022, delibera di costituirsi parte civile nel processo per l’omicidio di Gennaro Leone, deceduto nel mese di agosto 2021.

Forte l’interesse dell’Amministrazione Comunale, palesato già nell’immediatezza dei fatti, di intervenire nel processo  come segno di solidarietà nei confronti del nostro concittadino.  Una ferita che resterà nei cuori di tutti i cittadini di San marco Evangelista per un giovane campione, pieno di talento ed entusiasmo.

“Non si posso infrangere sogni quando si ha ancora tutta la vita davanti”.

MORRA-SMART
simplyweb2023
previous arrow
next arrow

Questa mattina presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere è iniziato il processo a carico di Gabriel Ippolito per l’omicidio di Gennaro Leone. Ieri sera anche il Comune di Caserta ha diramato un comunicato stampa nel quale lo stesso ente annunciava di volersi costituire parte civile nel processo contro il giovane reo confesso.

“Il Comune di Caserta si costituirà parte civile nel processo contro il 19enne accusato dell’omicidio, avvenuto il 29 agosto dello scorso anno, di Gennaro Leone, il ragazzo di 18 anni di San Marco Evangelista accoltellato in via Vico, nel pieno centro cittadino, nel corso di una lite e morto poche ore dopo all’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano.

La vicenda ha creato turbamento nell’intera comunità casertana compromettendo l’ordinario svolgimento della vita civica del Comune di Caserta e la tutela dell’ordine pubblico.

“L’omicidio di Gennaro Leone, avvenuto l’estate scorsa – ha detto il sindaco Carlo Marino – è stata una pagina tragica che tutti vorremmo cancellare dai nostri ricordi. Un bravo ragazzo, un giovane talento del pugilato che avevo avuto il piacere di conoscere, con tutta una vita davanti. Poi quella maledetta notte. Il mio pensiero va ancora una volta, con affetto, ai suoi genitori, alla sua famiglia, ai suoi amici”.