Operatori sanitari delle 5 province della regione Campania: “Dopo il covid non siamo più niente”

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Riceviamo e pubblichiamo

“Siamo operatori sanitari (infermieri, tecnici della prevenzione) e amministrativi. Siamo stati dislocati nelle varie Asl della Campania, in tutte le province, completamente ignorati e dimenticati dalla Regione Campania e dalle Aziende Sanitarie.

glp-auto-336x280
lisandro

Siamo stati contrattualizzati con le Asl dal 2020, reclutati con bandi di Protezione Civile, e dopo essere stati in prima linea sempre, siamo rimasti a casa e inascoltati, dopo 25 mesi, mentre in altre regioni stanno continuando il servizio.

La nostra causa sta andando avanti grazie alla federazione Migep e SHC, che sta portando la nostra problematica a livello centrale (Ministero della Salute). In tutto ciò la Regione non ci risponde e le Asl fanno finta di nulla.

Intanto il 31 gennaio saremo presenti a Roma per una manifestazione sotto il ministero, organizzata dalla federazione sopra citata, per ribadire la nostra situazione in Campania.

Abbiamo lavorato nei Dipartimenti di Prevenzione, nei drive in per i tamponi, nei centri vaccinali, sulle piattaforme… siamo stati la prima barriera contro il virus (così ci avevano definito) e lo abbiamo fatto nella nostra terra. Abbiamo lavorato con contratti Co.co.co, senza tutele, senza ferie, senza malattia (anche quando ci siamo ammalati di covid).

Siamo stati trattati da dipendenti (a convenienza), con tanto di badge per entrata e uscita, turnazioni, oltre le ore inizialmente previste (senza essere riconosciute). E ora? La Regione non risponde, le Asl fanno orecchie da mercante, facendo credere che è solo una questione regionale, senza spendere una parola per noi… cosa siamo dopo 25 mesi?

Siamo numeri, siamo budget e bilanci, siamo il nulla dal caldo delle vostre poltrone. Alla fine siamo pochi di noi a pesare sui bilanci? Mentre si proroga di tutto e di più, mentre si prorogano ex Usca in numeri nettamente superiori a quelli previsti per numero di abitanti, senza che nessuno controlli.

Esistono lavoratori di serie A e lavoratori di serie B? La Campania e i suoi governanti non volevano lasciare nessuno indietro, nessuno fuori… ma lo sanno che ci sono gruppi di lavoratori completamente ignorati? Gli eroi? Sì, gli eroi usa e getta, senza risposte e senza futuro”!