Ora solare 2020, questa notte lancette indietro di 60 minuti: ecco quali sono i vantaggi

Ora solare 2020, questa notte lancette indietro di 60 minuti, ecco quali sono i vantaggi

La prossima notte torneremo all’ora solare e quindi dovremo portare indietro di un’ora gli orologi. Il cambio scatta esattamente alle ore 3:00, quando bisognerà fissare le lancette alle ore 2:00.

Questo ci regalerà un’ora di sonno in più ma, purtroppo, farà buio un’ora prima. L’ora solare resterà attiva fino all’ultimo weekend del mese di marzo, cioè fino alla notte fra sabato 27 e domenica 28 marzo 2021.

Da tempo si discute sull’utilità di questa adozione, l’Unione Europea spinge per sopprimere il cambio dell’ora. Quest’anno però, con l’emergenza coronavirus in corso, non se ne è più parlato e la faccenda è slittata a data da destinarsi.

La convenzione di spostare in avanti o indietro le lancette dell’orologio ogni anno a marzo e ottobre serve a sfruttare al massimo le ore di luce a disposizione e ridurre i consumi energetici.

Secondo Terna, la società che gestisce la rete elettrica nazionale, in questi sette mesi di ora legale che si concludono oggi, l’Italia ha risparmiato complessivamente 400 milioni di kilowattora di elettricità, pari al consumo medio annuo di circa 150mila famiglie, con un beneficio economico per il sistema di 66 milioni di euro.

Ipotesi di abolizione del cambio in Italia e in Europa

Da un sondaggio condotto dal Codacons risulta che gli italiani sono per il 50% a favore e per il 50% contrari all’ora legale. La stessa inchiesta ha tuttavia rilevato che la maggior parte degli intervistati è a favore dell’abolizione dell’ora solare.

L’abolizione dell’ora solare comporterebbe l’utilizzo dell’ora legale tutto l’anno, con il problema che d’inverno, con meno ore di luce a disposizione, uno slittamento in avanti di alba e tramonto potrebbe fornire sì un’ora di luce in più alla sera, ma anche una in meno ogni mattina, mentre le attività umane continuerebbero a svolgersi con lo stesso orario.