Ordinanza della Regione Campania: riaprono alimentari e fiorai nei mercati, ancora fermi gli ambulanti

ambulanti in protesta

Da stamattina hanno riaperto al pubblico in Campania i negozi di alimentari, quelli di frutta e verdura  e quelli di piante e fiori siti all’interno dei mercati per decisione della Regione. La deroga, tuttavia, non riguarda tutti gli esercizi di questo genere ma soltanto «i negozi/box siti in prossimità o all’interno di aree mercatali, ove sussista la possibilità di contingentare gli accessi e limitatamente agli esercizi provvisti di accesso diretto alla rete idrica».

Il nuovo ordine della Regione è arrivato ieri sera quando è stata pubblicata ufficialmente l’Ordinanza n.9, i cui contenuti salienti erano stati anticipati nel tardo pomeriggio. Sostanzialmente il requisito dell’accesso diretto alla rete idrica sostituisce quello precedentemente richiesto nelle ordinanze 7 e 8 del 10 e 11 marzo scorso della disponibilità di un bagno individuale.

Il governatore Vincenzo De Luca ha deciso di modificare la decisione di tenere chiusi tutti i negozi di fiori e generi alimentari in seguito alle proteste dei mercatali che in centinaia hanno manifestato sul lungomare di Napoli bloccando ieri mattina via Partenope e poi piazza Borsa, piazza Municipio e via Acton.

Restano chiuse, all’interno dei mercati, tutte le altre attività comprese quelle che vendono abbigliamento. La deroga, inoltre, non riguarda gli ambulanti e dunque la stragrande maggioranza dei mercati all’aperto che, non avendo accesso alla rete idrica, non soddisfano il requisito richiesto.