Ospedale Melorio, la CISL e la Fp Caserta chiedono un potenziamento del comparto Infermieristico

Emergenza infermieristica all’Ospedale Melorio di Santa Maria Capua Vetere.

Il sindacato confederale CISL Caserta e la Federazione della CISL Funzione Pubblica chiedono alla direzione generale dell’ASL di Caserta un immediato potenziamento delle unità infermieristiche carenti per rilanciare le attività dei reparti e dei servizi dell’ospedale Melorio di Santa Maria.

I segretari CISL Nicola Cristiani, con delega alla sanità e Franco Della Rocca, Segretario Generale FP Caserta, ritengono che il Melorio sia un presidio decisivo: “L’unica struttura ospedaliera pubblica che è situata in un’area strategica, un territorio vastissimo che guarda tutti i comuni afferenti il Basso Volturno, aldilà del quale troviamo solo case di cura private accreditate.

“Riteniamo che sia un importantissimo ospedale che mai come adesso vada rilanciato, possiede già delle unità di eccellenza come l’Utic di Cardiologia, Nefrologia, Otorino- oculistica, Medicina Generale – Lungo Degenza.

Anche il Pronto Soccorso, seppur situato in un’area di non facile accesso, deve continuare al meglio la sua attività anche per decentrare l’affollamento e il sovraccarico di lavoro del pronto soccorso di Caserta”.

La CISL fa appello al Direttore Generale Ferdinando Russo, al Direttore Sanitario Pasquale Girolamo Faraone e al Direttore Amministrativo Amedeo Blasotti, affinché vengano riprogrammati i posti letto necessari a soddisfare le esigenze dei cittadini di quell’area, senza dimenticare le cure domiciliari altresì importantissime per consolidare il forte legame tra la medicina territoriale e il distretto con la rete ospedaliera.