Osterie d’Italia 2020: due chiocciole della Slow Food premiano Caserta

Festeggia quest’anno i suoi trent’anni la guida alle Osterie d’Italia edito da Slow Food, in arrivo in libreria il prossimo 16 settembre. E già si sa chi è stato baciato quest’anno dalla pioggia di 268 chiocciole assegnate dagli esperti su un totale di 1656 locali inseriti nella guida.

E tra i premiati dalla nuova edizione nella guida Slow Food, spiccano due realtà casertane: il ristorante “A Luna Rossa” di Bellona e “Gli Scacchi” di Casertavecchia. Due chiocciole alle eccellenze casertane, quindi, da anni riconosciute tali soprattutto dal pubblico e dai clienti “dal palato fine”.

In Campania le chiocciole della guida Slow Food sono andate anche a:

Ariano Irpino, La Pignata
Atripalda Valleverde, Zi’ Pasqualina
Barano d´Ischia – Isola d’Ischia, Il Focolare
Benevento, Nunzia
Gesualdo, La Pergola
Giugliano in Campania, Fenesta Verde
Giugliano in Campania, La Marchesella
Massa Lubrense, Lo Stuzzichino
Melito Irpino, Antica Trattoria Di Pietro
Mercogliano, I Santi
Napoli, Da Donato
Nocera Superiore, Famiglia Principe 1968
Ospedaletto d´Alpinolo, Osteria del Gallo e della Volpe
Pisciotta, Perbacco
Pozzuoli, Abraxas
Rocca San Felice, La Ripa
Sant´Anastasia, E Curti
Sarno, O Romano
Valle dell´Angelo, La Piazzetta
Vico Equense, Il Cellaio di Don Gennaro