Palio degli Asini a Santa Barbara di Caserta, la nona edizione l’8 e il 9 settembre


Con questa nona edizione, il Palio degli Asini torna quest’anno, grazie all’impegno del Comitato per il Recupero e la Valorizzazione delle antiche tradizioni,  nell’ambito della rassegna Festa degli Antichi Sapori.

Un viaggio tra ricordi, sensazioni, suoni, sapori per riannodare quel filo che lega da sempre l’uomo alla sua terra; un’occasione, insomma, per calarsi in un variopinto universo fatto di stemmi, drappi, bandiere, dove il folclore trova il suo giusto mix con il divertimento; ma, soprattutto, il personale tributo con il quale il Casale di Santa Barbara celebra il Ciucciariello, vero protagonista dei lavori rurali di un tempo che fu.

Divenuto, nel volgere di pochi anni, appuntamento di spicco nel panorama festivo dell’agro casertano, l’evento si propone di accendere i riflettori su di un territorio, quello dei Monti del Tifata, contraddistinto da emergenze monumentali e culturali di grande interesse per l’intera collettività, territorio ricco di documenti essenziali per la conoscenza storica del nostro passato e tanto necessari per l’edificazione del nostro futuro, che va difeso e tutelato come testimonianza viva della storia autentica del nostro territorio.

Un programma che, anche per questa edizione, prevede una serie di appuntamenti che preludono alla realizzazione dell’evento clou della manifestazione: “il Palio” .

Sabato 8 settembre – ore 16,30 : sfilata delle contrade con i contradaioli e i loro asini e fantini per le strade, onorando le edicole votive dislocate lungo il percorso ed esibizione della Quadriglia del gruppo Falciano Folk, alla riscoperta delle tradizioni popolari della nostra terra; seguirà “La Quadriglia” ed infine lo spettacolo di musica popolare “Caseifici Sonori Indipendenti”;

Domenica 9 Settembre – ore 16:30: inizio del Palio degli Asini e, tra una batteria e l’altra dell’evento, vivremo avvenimenti di epoche storiche passate, grazie alla Cavalleria Storica Campania, con la giostra degli anelli ed il lancio del giavellotto.

E dopo si continuerà con la “Festa degli antichi sapori”, con la presenza di stand gastronomici, spettacoli musicali “Le mille bolle blu – voci di donne” e tante risate con Tony Figo di Made in Sud, e tanti giochi (corsa della carriola, tiro alla fune, corsa nei sacchi), e gonfiabili per i bambini.