“Papy panetton”, il panettone per la Festa del Papà di Antonio Silvestri

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

La tradizione della Zeppola di San Giuseppe per la Festa del Papà rimane solida ed incrollabile in Campania, eppure c’è qualcuno a Caserta che ha provato ad inventare un dolce diverso per offrire un’alternativa nella giornata del 19 marzo: Antonio Silvestri, soprannominato il Supereroe della Pizza, dal 2016 prepara il “Papy panetton”.

Silvestri rimane coerente con la sua idea di proporre il panettone tutto l’anno, declinato in tante ricette diverse, finanche farcito di gelato in estate. Il “Papy panetton” è così composto: impasto al caffè, ripieno ai 3 cioccolati (bianco, fondente ed al latte), noci sabbiate al caffè e zucchero di canna, glassa alla mandorla ed amaretto. L’impasto è a lunga lievitazione, completamente privo di conservanti e con lievito madre. Antonio promette che il panettone ha una durata di 15 giorni.

glp-auto-336x280
lisandro

Il panettone per la Festa del Papà di Antonio Silvestri viene venduto nell’unico formato di 800 grammi al prezzo di 34 euro e solo su prenotazionePer essere sicuro di consegnare al mio cliente un prodotto sempre fresco e per evitare lo spreco di prodotti che rimangono in giacenza” spiega lo stesso Silvestri.

Il “Papy panetton” può essere ordinato tramite i canali social di Antonio Silvestri il Supereroe della Pizza, al telefono, oppure presso SpazioLab, il locale di degustazione di Silvestri in via Marchesiello, 42 a Caserta. Telefono: 3939162573.

Preparo il Papy panetton dal 2016 – racconta Antonio Silvestri – L’idea mi è venuta da mia figlia, allora piccolina, che mi chiese di preparare qualcosa di diverso dal solito per la Festa del Papà. Così creai il Papy panetton, il panettone con la cravatta. All’inizio ne feci due versioni: uno red ed uno al caffè, entrambi con la cravatta sulla confezione. Oggi esiste solo la versione al caffè e la cravatta è rimasta sull’etichetta per rimanere fedele all’idea originale”.

Per le foto ringraziamo Ornella Buzzone.