Parco degli Aranci, telefonino rubato viene ritrovato e restituito su Facebook. L’importanza del social di quartiere

Via Delle Betulle
HONDALIVETOUR
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Quando i social network hanno anche una funzione di servizio sociale, come nel caso specifico, aiutare qualcuno a ritrovare un oggetto trafugato.

E’ accaduto sul gruppo Facebook dedicato Parco degli Aranci, nel quale si incontrano e interagiscono i residenti del quartiere. Il signor Michele Vanore ha segnalato il ritrovamento di uno smartphone, come spesso accade anche in altri gruppo locali, cittadini, per il ritrovamento di chiavi per esempio, o di targhe.

glp-auto-336x280
lisandro

Ho trovato questo telefono sulla pista ciclabile vicino il campo di basket. il proprietario mi contatti per la restituzione”, scrive Vanore.

Non è trascorso molto tempo che la segnalazione ha raggiunto il proprietario, anzi la proprietaria, la quale ha contattato l’autore del post e, molto fortunatamente, è rientrata in possesso del proprio cellulare.

Me lo avevano rubato“, ha confidato la signora a Vanore, “prendendolo furtivamente dalla borsa. Non mi sono mossa dal Parco Cerasole, per cui era impossibile che il telefono si trovasse altrove”.

Nessun grande clamore, non stiamo riportando la notizia di una rapina a mano armata ovviamente, ma mentre da più parti si demonizzano i social network, questi episodi mettono invece un focus sull’importanza di questi gruppi di condivisione, nei quali siamo tutti un pò sentinelle degli altri e di quanto accade.

Del resto esistono già app che hanno preso spunto proprio da situazioni del genere. Le app di quartiere sono nate nei paesi anglosassoni alla fine degli anni 2000: sono i social network pensati appositamente per ricostruire (o costruire da zero) le buone relazioni in un vicinato.

Queste app “di quartiere” oggi si sono espanse oltre il vialetto di casa, arrivando ad avere come vicini migliaia di persone in tutto il mondo. Giusto perché “tutto il mondo è paese”.

Come Nextdoor (nextdoor.it), l’app di quartiere privata e gratuita disponibile su Web, iOS e Android. Su Nextdoor i vicini possono creare community private dove conoscersi, fare domande e scambiarsi consigli e informazioni.