Il Parco Regionale del Matese tra Città del Tartufo, accesso facile per i disabili e turismo sportivo

Una ripresa post covid grandiosa per il territorio matesino che si appresta giorno dopo giorno a diventare, per volontà del presidente del Parco Regionale del Matese Vincenzo Girfatti, sempre di più a misura di turista.

“Con l’Associazione Nazionale Città del Tartufo abbiamo deliberato, su mia proposta, l’istallazione di tabelle “Città del Tartufo” in tutti i Comuni del Parco; un segno per dare valore aggiunto al nostro territorio, terra di tartufi e perciò di eccellenze”.

Questa la dichiarazione del presidente Girfatti proprio mentre qualche ora fa a effettuato il primo sopralluogo a Miralago insieme a Daniele Romano e Maria Venditti rispettivamente presidente e vicepresidente Fish Campania, Salvatore Montone sindaco di Castello e l’assessore comunale Giovanni Giuliani.

L’obiettivo è quello di rendere il Matese inclusivo. Nasce perciò il progetto che vede la collaborazione tra il Parco del Matese, la FISH Campania (Federazione Italiana Superamento Handicapp) e il comune di Castello del Matese.

“Vogliamo un turismo a portata di tutti e perciò presto ci sarà un accesso facile per i disabili anche sul Matese”. Ha precisato Girfatti. In termini di turismo sportivo sempre più soddisfazioni si raccolgono anche grazie alle Associazioni del Territorio.

“Apprendo proprio in queste ore dai ragazzi del Matese Bike Team che le nostre montagne hanno catturato l’attenzione di un ciclista russo che sta percorrendo, grazie ai bikers di casa nostra, le meravigliose e selvagge strade sterrate del Matese”. Ha concluso Girfatti. Tutto, rigorosamente sotto il nome di un’unica parola d’ordine: promozione.