Passeggiata alla riscoperta della Cascata di Conca della Campania sabato 5 agosto

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Cultura AgroSociale ha organizzato una passeggiata guidata che si terrà sabato 5 agosto per riscoprire la Cascata di Conca della Campania. Un angolo magico, incontaminato, tra boschi di castagni, gole e torrenti.

Il raduno è previsto alle ore 9:00 presso l’azienda agrituristica Terra Tefra in via Patierno Calce, 7 a Conca della Campania. Un servizio navetta condurrà i partecipanti nella piazza del municipio per il brief tecnico che precederà la partenza. L’approccio alla passeggiata è di tipo hiking, un’attività sportiva dolce, praticabile anche dai bambini e ideale per gli appassionati che amano l’esplorazione della natura.

lapagliara
sancarlolab-336-280
previous arrow
next arrow

Ecco il link per prenotarsi: https://www.ecoitinerari.it/index.php/itinerari. Info: Vincenzo de Matthaeis, 3357546331.

Il percorso

Alla Cascata di Conca della Campania si arriverà dal Sentiero dei Mulini, che attraversa la forra del Rivo di Conca; proprio dal Rivo si origina la rapida, che nasce alle falde del cratere. Negli anni, il torrente ha scavato una profonda gola dalle pareti verticali ravvicinate, formando una spettacolare cascata che si infrange sulle rocce di origine vulcanica. La gola è caratterizzata da diversi micro-ambienti, ricchi di biodiversità, tra ponti di pietra, mura antiche, fontane, lavatoi e i resti di un mulino ad acqua. Dal bosco si levano canti di colombacci, ghiandaie e merli e, con un po’ di fortuna, ci si potrà imbattere in ghiri, volpi e ricci. Il percorso sarà di 7 chilometri, tra andata e ritorno, da coprire in circa due ore, più le soste, con la guida dello staff di DinamiKa Outdoor. La partecipazione è gratuita per tutti e al termine della passeggiata Terra Tefra offrirà un ricco ristoro a base di prodotti tipici e vini locali.

L’ecoitinerario

L’escursione alla Cascata di Conca della Campania rappresenta l’evento-pilota dell’Ecoitinerario del Vulcano di Roccamonfina, immaginato per esaltare le risorse e i servizi presenti nei borghi che circondano il vulcano (Comune di Galluccio, San Pietro Infine, Rocca D’Evandro, Conca della Campania, Roccamonfina, Tora e Piccilli, Presenzano e Marzano Appio) e, più in generale, l’Alto Casertano. Incentrato sulla promozione dell’agricoltura sociale e dell’ambiente, l’ecoitinerario intende valorizzare la conoscenza del territorio, la salvaguardia della biodiversità, l’educazione alimentare, il rilancio del turismo e della cultura della legalità e dell’inclusione, la formazione per i bambini.

La tavola rotonda

La passeggiata sarà preceduta, venerdì 4 agosto, alle 18:00, da una tavola rotonda tra le istituzioni coinvolte nell’Ecoitinerario del Vulcano di Roccamonfina; l’incontro si terrà nell’azienda agrituristica Terra Tefra. Parteciperanno, tra gli altrui, David Simone, sindaco di Conca; Francesco Lepore, sindaco di Galluccio e presidente della Comunità montana Monte Santa Croce; Antonio Vacca, sindaco di San Pietro Infine; Emilia Delli Colli, sindaca di Rocca D’Evandro; Carlo Montefusco, sindaco di Roccamonfina; Luciano Fatigati, sindaco di Tora e Piccilli; Andrea Maccarelli, sindaco di Presenzano e Antonio Conca, sindaco di Marzano Appio. Interverrà anche Gennaro Oliviero, presidente del Consiglio regionale della Campania. Gli appuntamenti del 4 e del 5 agosto sono patrocinati dal Comune di Conca della Campania e realizzati in collaborazione con Salvatore Ciardiello, titolare di Terra Tefra e presidente regionale di Copagri.

Il progetto

Cultura AgroSociale è un progetto di ampio respiro che intende recuperare la funzione sociale che l’agricoltura aveva nelle società rurali, fondata su solidarietà, integrazione, resilienza, coesione e valorizzazione della dimensione relazionale. È ideato dai produttori uniti di Fattorie montane, società consortile presieduta da Giovanni Esposito, e sostenuto, con fondi europei Por Fesr 2014-2020, dalla Regione Campania e dall’assessorato alla Scuola, alle Politiche sociali e alle Politiche giovanili, retto da Lucia Fortini.