Pescopagano, spezzata l’asta e rubata la bandiera dell’associazione nazionale vittime delle marocchinate

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa dell’ANVM, Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate.

“I soliti codardi travestiti da eroi, che continuano a danneggiare il nome e l’immagine del nostro territorio, ieri notte hanno spezzato l’asta e rubato la bandiera che l’ Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate, unitamente all’Associazione Pro Torre di Pescopagano e all’Associazione Quartiere di Pescopagano, avevano deposto il 18 maggio scorso a ricordo delle Vittime delle violenze perpetrate dai militari coloniali francesi nel 1944.

“Tale atto rappresenta una rappresaglia violenta nei confronti delle vittime delle marocchinate e del loro ricordo – dichiara l’avvocato Emilio Pagliaro responsabile territoriale dell’ANVM –  nonché un vilipendio a tutto il territorio, rappresentando ancora una volta, tale gesto di inciviltà, la volontà di alcune persone di vedere degradata e abbandonata la località Pescopagano di Mondragone.

Sporgerò denuncia contro ignoti presso la locale Stazione dei Carabinieri – prosegue Pagliaro – e grazie alla donazione di un’asta d’acciaio ricevuta dall’Onorevole Marco Nonno, ripristineremo tutto a spese nostre, lasciando per l’ennesima volta, un gesto di civiltà e legalità che possa essere alfiere di quel cambiamento di cui ha bisogno tutto il nostro territorio.

L’ignobile atto di questi balordi, ha fatto morire due volte le vittime delle marocchinate e rinnovato il dolore dei familiari.

Il presidente nazionale Emiliano Ciotti e tutta l’ Associazione Nazionale Vittime delle marocchinate, sono rimasti sbalorditi  per il vile gesto e dichiarano che non è la prima volta che hanno subito gesti di questo genere in varie parti d’Italia.”