Picchia la madre dei suoi figli e la costringe a prostituirsi, 48enne in carcere

picchia la moglie

Mondragone (Caserta) – Questa mattina i carabinieri di Mondragone hanno proceduto all’esecuzione di un’ordinanza applicativa della misura cautelare della custodia in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, nei confronti del 48enne C.G. L’uomo è ritenuto responsabile di numerosi delitti ai danni della sua donna: tra questi figurano maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale, induzione e sfruttamento della prostituzione, stalking, lesioni aggravate e violenza privata, tutti reati commessi anche davanti agli occhi innocenti dei figli minorenni avuti dalla compagna nonché vittima dei gravi abusi.

La donna era trattata e considerata in maniera del tutto simile ad un oggetto sul quale esercitare liberamente il proprio dominio. Veniva quotidianamente picchiata, umiliata e minacciata dall’uomo, il quale le diceva che l’avrebbe allontanata dai figli qualora lei si fosse ribellata o rifiutata di prostituirsi per soddisfare le esigenze del compagno.

L’indagato è altresì ritenuto responsabile del delitto di violenza sessuale commesso parimenti ai danni della compagna nonché di induzione e sfruttamento della prostituzione della stessa, ulteriore condotta di vittimizzazione dimostrativa delle modalità padronali di azione, lesive della dignità e la libera determinazione della donna, anche nell’esplicazione della propria sessualità.

Peraltro, l’indagato, perseverava nell’azione anche dopo essere stato lasciato dalla compagna, giungendo a perseguitarla fino a renderle la vita impossibile, così minacciandola nella prospettiva di impedirne ogni autonomia e mantenerne il dominio.

Le indagini, dirette dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, sono state esperite dai Carabinieri della Stazione di Mondragone e sono originate dalle denunce presentate dalla vittima.