Piscina Comunale, a 4 mesi dalla chiusura non c’è ancora il bando di affidamento del servizio

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

“Che fine ha fatto il bando? Di questo passo a settembre non ci sarà la prevista riapertura”

Sono trascorsi 4 mesi dalla delibera numero 25 del febbraio 2023 con la quale l’amministrazione comunale di Caserta si impegnava, in riferimento alle linee di indirizzo per la concessione della gestione della piscina comunale, a fare quanto prima un nuovo bando per l’assegnazione del servizio.

Ricordiamo che lo scorso febbraio la piscina comunale F. Dennerlein di corso Giannone ha chiuso i battenti. Già in quell’occasione, il consigliere di opposizione Maurizio Del Rosso presentò nell’immediato una interrogazione. “La città di Caserta ed i suoi cittadini rimarranno per un tempo imprevedibile privi della struttura”, scriveva il consigliere, “con l’elevato rischio che la stessa si deteriori per assenza di manutenzione.

glp-auto-336x280
lisandro

Senza considerare che la chiusura della struttura genera un danno sociale enorme considerato che lo sport da sempre ricopre un ruolo determinante nella nostra cultura, sociale e familiare, grazie alla sua funzione educativa”.

Oggi, a quattro mesi da quell’evento non è accaduto nulla di nuovo, la piscina è ancora chiusa e a quanto pare nessun atto amministrativo è stato approntato.

Per questo motivo Del Rosso chiede ancora che fine abbia fatto quel bando e di conoscere le attività amministrative avviate dall’ente e finalizzate alla pubblicazione del bando per l’affidamento del servizio.

E’ chiaro a questo punto che a settembre la piscina non aprirà, se avessero avviato l’iter per l’individuazione di un nuovo gestore ed emanato il bando subito dopo la delibera ci sarebbe stata qualche possibilità ma così non è stato. Ora vogliamo capire quali potranno ancora essere i tempi per la riapertura dell’impianto

La situazione di criticità ricordiamo, ha le sue origini nel 2016 a causa dell’inadempienza contrattuale della società affidataria del servizio, l’Assonuoto, che risultava inadempiente nei pagamenti. L’ultimo atto è avvenuto poi il 14 febbraio scorso con la sentenza del TAR Campania che ha disposto la chiusura definitiva della struttura.