Pizza fritta, ottima birra e buona musica: gli ingredienti per una piacevole serata a Pane e Acqua Bistrot di San Leucio di Caserta

Pane e Acqua Bistrot
Lo Chef Luigi Marra al Pane e Acqua Bistrot

Grande successo per l’evento organizzato da Angelo Valentino, proprietario del ristorante Pane e Acqua Bistrot di San Leucio di Caserta, con Pizza & N’artigiana, momento speciale di degustazione di antichi e nuovi sapori, curato dallo chef napoletano Luigi Marra, del famoso ristorante “San Carlo 17”, nei pressi del Teatro San Carlo di Napoli.

Il menù proposto si articolava in tre portate, con l’apertura di un antipasto, il tutto a base di eccellenti fritture napoletane, gustose e leggere, con ingredienti presi a prestito dalla cucina napoletana del dopoguerra. Le origini della pizza fritta risalgono infatti alla fine della Seconda Guerra Mondiale, quando anche la tradizionale pizza rotonda a Napoli era diventata quasi un lusso, mancavano gli ingredienti per condirla e soprattutto i forni a legna, molti dei quali andati distrutti nei combattimenti per liberare la città.


Immaginatevi la Pizza ripiena di stracciatella di bufala, alghe del mediterraneo, ricci di mare e croccante di peperoncino, poi la Pizza ripiena alla Provola di Agerola con crema alla ricotta al pistacchio, croccante di pistacchio e zeste di lardo di colonnato ed infine la Pizza ripiena con ricotta, cicoli e pepe.

Una vera esplosione di sapori accompagnata da birra Rossa, Ambrata e doppio Malto del Birrificio Artigianale Partenopeo N’artigiana, birra non filtrata e non pastorizzata, prodotta con metodo puramente artigianale.


Il profumo, il sapore e la lavorazione “in diretta”delle pietanze servite ai tavoli dei numerosi partecipanti alla cena del Pane e Acqua Bistrot hanno senz’altro dato “colore” ed atmosfera alla situazione conviviale, sempre rispettando le norme anti-covid e le distanze.

Ad allietare ulteriormente la serata ha contribuito la partecipazione di Sal, cantante animatore ed autore di indovinate scelte musicali, sia per stile che per repertorio: dal classico napoletano alla canzone d’autore, passando per il grande Pino Daniele
e le tammurriate tanto care al Maestro Roberto De Simone.


A tal proposito era presente come ospite un allievo di Roberto De Simone, l’attore e cantante napoletano, Ciro Raciti, che ha coinvolto il pubblico festoso e rilassato con  canti popolari tratti da “La gatta Cenerentola” (le “Sei sorelle”), “‘O surdato nnammurato“, la “Tammurriata nera” ed tante altre. Complici i tamburelli distribuiti ai clienti per accompagnare ritmicamente i brani tradizionali, la serata si è ulteriormente riscaldata.

Insomma, davvero un momento piacevole e scevro da pensieri negativi in questo faticoso momento di ripresa post lockdown. Tale successo possa servire da sprone per promuovere, in un prossimo futuro, altri piacevoli eventi di musica e teatro.