Una pizza contro il razzismo: Gino Sorbillo ha incontrato i ragazzi dello Sprar di Caserta

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

L’iniziativa di oggi è stato un momento emozionante e bellissimo. Importanti e giuste le parole che Gino Sorbillo ha detto durante l’intervista, sull’esigenza di costruire città inclusive, accogliente, antirazziste.

Prezioso l’intervento di Mamadou Sy, operatore mediatore del progetto Sprar, leader del Movimento Migranti e Rifugiati e presidente dell’Associazione Senegalesi di Caserta, sul clima di intolleranza che si sta diffondendo e sulle gravi conseguenze che l’eliminazione del pds per motivi umanitari sta provocando.

glp-auto-336x280
lisandro

I beneficiari dello Sprar hanno ricevuto, da Gino e dal suo staff nonché dai cittadini del centro storico di Napoli, una calda accoglienza e un applauso sincero è scattato quando all’esterno abbiamo srotolato lo striscione “UNITI CONTRO CAMORRA E RAZZISMO” distribuendo ai passanti un volantino informativo sullo Sprar.

WordPress Image Gallery Plugin

Grande l’attenzione che sia Gino Sorbillo che le decine di giornalisti presenti, hanno dedicato al percorso di formazione professionale e inserimento lavorativo che stanno facendo due nostri beneficiari – Ouattara Salifou e Moctar Dao– assieme ad un altro migrante del territorio, Omega Uno –  presso la “Pizzeria Nello” di Caserta.

Il Modello Caserta di Inclusione Sociale Bilaterale è in diffusione in tutt’Italia, come esperienza virtuosa di stretta collaborazione tra migranti ed italiani per migliorare il territorio e le condizioni di chi ci vive.