Pnrr, Anci Campania incontra Cgil, Cisl e Uil per sottoscrivere uno storico accordo

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Anci Campania e Sindacati: storico accordo per attuare il Pnrr e spendere i fondi strutturali creando occupazione giovanile e migliorando i servizi locali

Anci Campania e i tre sindacati Cgil-Cisl-Uil firmano un importante accordo di convenzione che ha come focus principale il Pnrr che costituisce, sostengono i firmatari, «lo strumento fondamentale per ridisegnare una Campania più equa e giusta, capace di ridurre le diseguaglianze e creare occupazione di qualità».

glp-auto-336x280
lisandro

A siglare quello che rappresenta uno di primissimi accordi in Italia tra Anci Regionali e rappresentanze dei lavoratori, sono stati il presidente di Anci Campania, Carlo Marino, e i leader delle confederazioni regionali (Nicola Ricci per la Cgil, Giovanni Sgambati per la Uil e Salvatore Topo per la Cisl). Presente il Segretario Generale di Anci Campania, Nello D’Auria.

In un contesto sociale reso critico da inflazione e debolezza industriale, l’occupazione negli enti locali rappresenta oggi un’importante opportunità che va rafforzata e valorizzata con l’impiego funzionale ed efficace dei fondi europei, soprattutto quelli destinati a offrire lavoro ai giovani della Campania e a migliorare la qualità dei servizi nelle comunità locali.

Da questo scaturisce l’intenzione di contribuire ad attuare un nuovo modello di governance: i Comuni e le organizzazioni sindacali si consulteranno sistematicamente nei territori della Campania per fare il punto sull’andamento dei lavori e verificare che nelle amministrazioni si completi e si dia stabilità al piano di assunzioni straordinarie previsto dal Pnrr e necessario ai Comuni per realizzare le opere loro assegnate.

«A questo fine, i Comuni e i sindacati garantiranno insieme che gli investimenti rispettino gli assi strategici della transizione digitale ed ecologica, della spinta all’occupazione giovanile e femminile, del rafforzamento dell’inclusione sociale e in definitiva del moderno sviluppo della Campania. Il nostro comune interesse è che dall’attuazione del Pnrr si avvii una riconversione verso nuove politiche industriali con una stretta sinergia tra con gli interventi previsti dai fondi comunitari 2021-2027», affermano di concerto il presidente Anci Campania e i leader sindacali.

L’accordo, che ha una durata di due anni, attiverà la costituzione di un coordinamento tecnico paritetico.

Fonte www.ancicampania.it