Caserta, entro oggi la decisione del Comune sulla sospensione delle aree di sosta pagamento

A giorni dovrebbe scattare anche la seconda fase di disinfezione cittadina

Carlo Marino e Luigi De Simone
Carlo Marino e Luigi De Simone

Mentre la città è ovviamente tutta concentrata sulle procedure per arginare il flusso delle persone in strada, ci sono però difficoltà, chiamiamole tecniche, riguardo la gestione di alcune normative amministrative che vanno assolutamente chiarite. E infatti c’è attesa da parte della popolazione sulla delibera comunale che dovrebbe, a ragion veduta, porre una sospensione sulle aree di sosta a pagamento e sulle Ztl.

Nelle scorse settimane numerose le polemiche sulla presenza in strada degli Ausiliari della sosta che, in qualche occasione, hanno anche elevato alcune sanzioni per auto parcheggiate prive del grattino, cosa che ha ovviamente fatto scattare la rabbia dei cittadini e del popolo social, che hanno giudicato assolutamente inopportune tali operazioni, considerata la situazione contingente.

Cosa succederà lo abbiamo chiesto al Comandante della Polizia Municipale di Caserta Luigi De Simone, se possiamo aspettarci novità sulla vicenda.

Si è proprio così, intanto abbiamo predisposto ferie forzate per tutti gli ausiliari del traffico ed entro oggi avremo la decisione da parte dell’amministrazione comunale se e quando verranno sospese sia le aree di sosta a pagamento che le zone a traffico limitato.

Al momento stiamo lavorando a turni pieni, tutti gli uomini disponibili sono in strada, anche gli ufficiali che solitamente sono in ufficio, coprendo i tre turni dalle 7.00 a mezzanotte“.

Per quanto riguarda i controlli delle persone in strada – continua il Comandante – il dato aggiornato a ieri sera è di 147 autocertificazioni acquisite, dunque 147 persone fermate, dopodiché scatta il monitoraggio a random sulle verifiche.

Intanto nell’arco delle 24 ore, una nostra volante e una macchina della Protezione Civile girano per l’intero territorio,  per circa sei ore, continuando ad invitare le persone a restare in casa nel rispetto delle norme ministeriali”.

Il Comando nel frattempo sta ancora utilizzando la scorta di DPI (dispositivi di protezione) mascherine Fp2 e guanti, ma, aderendo alla campagna Anci, è stata già inviata al Governo la richiesta per un fabbisogno di settanta mascherine giornaliere, ovvero 60 per il personale e 10 per i volontari della Protezione Civile comunale. Entro la settimana, a quanto pare dovrebbe già arrivare il nuovo rifornimento.