Portico di Caserta, “Carri, Cippi e Pastellessa”. Si alza il sipario sulla prossima festa di Sant’Antuono

Suonano gli strumenti della terra. Il 25-26-27 gennaio ritorna l’appuntamento con i bottari

Rullo sui tini. Colpi intensi e il suono grave della botte. L’eco metallico ma armonico delle falci. Il “capoparanza”, direttore di orchestra, scandisce con perfetto tempismo il grido “Ohì”. E’ Sant’Antuono a Portico di Caserta. E’ tempo di Carri, Cippi e Pastellessa.

E’ tempo di riscendere in strada e seguire quel ritmo primitivo e fuori dal tempo che, ogni anno, ravviva il suo fascino, quasi come se i secoli ne rinnovassero la magia. Ai bottari, maestri esecutori su strumenti inusuali della terra come botti, tini di legno e piccole falci di metallo, il compito di scandire il lento procedere del corteo dei carri.

Il ritmo essenziale che deriva dal gioco di contrappunti è ciò che rende la festa di Sant’Antuono unica nel suo genere. Non è ritorno al passato ma la sensazione di trovarsi fuori dal tempo, immersi in un vortice di vitalità e passione per la tradizione che superano i confini scanditi dal passare dei secoli.

Oggi come centinaia di anni fa, il sacro e il profano che generano la tradizione si uniscono in una straordinaria amalgama di rituali e simboli. L’uscita del Santo barbuto con il maiale affianco precede il momento pagano della sfilata dei carri, vera e propria processione di ritmi. Due riti, due forme, quella cristiana e quella pagana, unite nella richiesta di protezione, al Santo e alla Terra.




 

E poi, il festoso esplodere dei fuochi. Gli occhi rivolti al “ciuccio”, al “maialino”, alla “signora di fuoco”. Una festa di colori incalzata dal lento procedere dei carri su cui si continua a suonare.

Si alza il sipario. La passione, l’antico si fanno suono. La tradizione si fa festa. E’ tutto pronto! Ohì!

Seguendo la pagina Facebook Carri,Cippi e Pastellessa troverete tutte le informazioni utili e le novità di questa edizione 2019.