Precari somministrati Azienda Ospedaliera Caserta, proclamato sciopero il 22 gennaio. Oggi pomeriggio vertice col Sindaco Carlo Marino

Quest’oggi alle 15.30 una rappresentanza dei precari somministrati della sanità casertana rappresentata dai lavoratori iscritti alla Felsa Cisl incontrerà il Sindaco Carlo Marino.

L’incontro si è reso necessario dopo che la dichiarazione di sciopero prevista per il 22 gennaio, fatta a seguito di tre convocazioni prefettizie, ha avuto esito non positivo. “La Regione, in questo momento non può diventare un interlocutore utile, troppo distante in tutti i sensi, il Sindaco resta invece una figura importante in questa vicenda in quanto responsabile sanitario della popolazione cittadina”.

Verrà aperto un tavolo di mediazione con il Commissario del’Azienda Sanitaria, tenendo ben presente che si sta decidendo di 200 lavoratori somministrati che rischiano il posto di lavoro non rientrando nella stabilizzazione regionale.

L’accordo richiesto in Prefettura riguarda il tentativo di superamento del rischio di licenziamento di questi 200 lavoratori ormai in mobilità, considerata l’impossibile immobilità della questione concorsuale sulla quale tanto ci si sta battendo. La vertenza però è ancora aperta, questi lavoratori chiedono all’Azienda Ospedaliera di essere considerati anch’essi come lavoratori atipici con il riconoscimento di un concorso riservato con la legge 208 del 2015. La legge 165 a cui fa infatti riferimento la 208, si rifà a sua volta ad un decreto legislativo il 165, del 2001, per il quale questi lavoratori potrebbero essere di fatto riconosciuti come lavoratori atipici e dunque stabilizzati.

La Regione non si è espressa in merito ma nelle ultime linee guida fa comunque riferimento anche all’apertura del personale precario ai sensi della 208 del 2015, pur però non essendo mai stata veramente chiara nei dettagli. Questo il motivo per cui si è scelto di ricorrere al Sindaco, chiedendogli dunque di prendere una posizione in quanto l’elevato numero di lavoratori coinvolti ha ormai trasformato la vicenda in un serio problema sociale, 200 persone senza lavoro equivalgono a 200 famiglie in grave difficoltà.

Saranno presenti Giovanni Letizia, Segretario Generale Ust Cisl Caserta, Angelo Iodice Magliacano, segretario generale Felsa Cisl Caserta  e Nicola Cristiani, Segretario Provinciale Cisl.

Loading...