Premi Coni, pioggia d’oro sullo sport casertano, riconoscimenti per Franco Marcelletti e per i 50 anni della Arca Atletica Aversa

Pioggia d’oro sullo sport casertano in occasione dell’attribuzione delle onorificenze Coni a dirigenti, tecnici e società di Terra di Lavoro. Tre i massimi riconoscimenti attribuiti dalla Commissione Centrale Benemerenze, e cioè la Palma al Merito Tecnico a Franco Marcelletti, allenatore della Juve Caserta “tricolore”, e la Stella al merito sportivo allo “storico” Segretario da mezzo secolo dello stesso sodalizio “scudettato”, Carlo Giannoni. Un’altra Stella d’Oro al merito sportivo è stata attribuita all’Arca Atletica Aversa, cara a Vittorio Savino, Bruno Fabozzi e sostenuta da Paolo Santulli, per i 50 anni di prestigiosa attività a livello nazionale con la conquista di numerosi titoli a livello giovanile ed assoluto.

“Non era mai accaduto che in una sola occasione la nostra provincia avesse ottenuto tre riconoscimenti al massimo livello – commenta il Delegato Coni Michele De Simone che insieme al coordinatore tecnico Geppino Bonacci ha curato l’istruttoria delle pratiche – e, visto che la cerimonia di consegna verrà effettuata, auspicabilmente, nei primi mesi del 2021, mi sembra significativa la circostanza che, proprio nel trentennale della conquista dello scudetto da parte della Juve Caserta vengano premiati due esponenti di rilievo dello staff tecnico e dirigenziale del tempo”.

Ma l’elenco degli insigniti si arricchisce con altri significativi protagonisti dello sport casertano: ai tre riconoscimenti aurei se ne aggiungono due d’argento e cioè al dirigente sportivo e delegato dell’Unione Sportiva Stampa Italiana Lucio Bernardo, e al dirigente della Fitarco Antonio Di Benedetto, peraltro fondatore della Società Arcieri Campani di Capua, il cui palmares è ricco di titoli italiani e internazionali.

E poi altri tre dirigenti hanno meritato la Stella di Bronzo, e cioè Donato Santoro, vicepresidente dell’Automobile Club Caserta e dirigente della Csai (Commissione Sportiva Automobilistica Italiana); Salvatore Romano da Bellona, delegato provinciale della Federazione Italiana Danza Sportiva, e Antimo Di Fuccia da Marcianise, dirigente della Federazione Pugilistica Italiana.

Sul podio, insignite della Stella di Bronzo, altre due “storiche” società sportive, da quasi cinquanta anni affiliate con continuità alla Federazione di appartenenza, e cioè il Rugby Clan di S. Maria Capua Vetere, caro al Presidente Giuseppe Casino, e la Società Bocciofila “Maddalena” di San Nicola la Strada del Presidente Fiore D’Aurino.

Oltre all’oro di Franco Marcelletti, il comparto dei tecnici casertani viene premiato con quattro Palme al Merito, attribuite ad Anna Maria Curci di Maddaloni per il pattinaggio, a Luigi Fiorinelli di Maddaloni per il karate, ad Antonietta Tana di Caserta per il tiro a segno, infine a Giuseppe Foglia di Marcianise, più volte chiamato in nazionale e spesso sul ring all’angolo dell’olimpionico Clemente Russo.

I riconoscimenti, proposti dal Coni di Caserta, sono stati ufficialmente comunicati agli interessati dal presidente regionale Sergio Roncelli dopo la chiusura qualche giorno fa dei lavori della Commissione Centrale Benemerenze Sportive, di cui fa parte il campano Nello Talento, peraltro componente della Giunta centrale Coni.

Alla premiazione di dirigenti, tecnici e società sportive – conclude il Delegato Coni Michele De Simone – si aggiungerà, come è tradizione, quella degli atleti più prestigiosi della provincia di Caserta, che hanno conseguito nell’ultima annata sportiva risultati assoluti nelle competizioni a livello mondiale, europeo e nazionale. Una celebrazione questa dei Premi Coni che ci auguriamo possa coincidere nei primi mesi del 2021 con l’auspicata ripresa dello sport italiano, ancora bloccato dalla drammatica pandemia”.