Premio Don Peppe Diana, Cerimonia presso il bene confiscato alla camorra, premi ad Alessandro Gassman e Sales

L'attore romani Alessandro Gassman e il docente salentino Daniele Manni

Menzione speciale a Daniele Manni, Premiati anche Sales, Suor Alessandra Smerilli e Caponnetto

Lunedì 4 luglio ha avuto luogo la cerimonia di consegna del Premio Nazionale Don Peppe Diana 2022 “Per Amore del mio popolo”. L’evento si è svolto come di consueto presso Casa don Diana, il bene confiscato alla camorra e gestito dal Comitato don Peppe Diana, a Casal di Principe, in provincia di Caserta.

È stato premiato, tra gli altri, l’attore, regista e doppiatore Alessandro Gassmanper il suo impegno nella battaglia per salvare il pianeta che lo vede strenuo promotore dell’economia verde e creatore del team dei Green Heroes” e ha ricevuto la Menzione Speciale il docente salentino Daniele Manniper l’impegno profuso in tema di auto-imprenditorialità degli studenti e per aver creato molte startup sociali under 18″.

Il prof Manni non ha potuto presenziare alla cerimonia in quanto impegnato a Lecce negli Esami di Stato relativi alla sua classe 4° Quadriennale dell’Ist. “Galilei-Costa”, indirizzo sperimentale, peraltro, specificatamente orientato all’imprenditorialità giovanile.

A ricevere inoltre il Premio sono stati Isaia Sales, scrittore e professore all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli con la motivazione: “Da irriducibile promotore della cultura, crede nella forza della parola e dello studio come strumento di liberazione. Le sue analisi mai ferme ad un elenco di dati sono spunti di riflessione per raggiungere il cambiamento”, e Suor Alessandra Smerilli, economista, accademica e religiosa italiana, in quanto “Lavora per difendere le uguaglianze e per la promozione integrale della persona sviluppando quei principi della dottrina sociale della Chiesa a cui Papa Francesco ci richiama costantemente per la costruzione di un mondo migliore”.

Premio Speciale alla giornalista Angela Caponnetto, da anni in prima linea nel documentare il fenomeno delle migrazioni. “Le emergenze sono sempre al centro delle sue cronache per denunciare ed informare, raccontando le esistenze di donne e uomini che cercano approdi sicuri. Con i suoi servizi ci richiama alla responsabilità dell’attenzione. Profughi e immigrati con i suoi servizi giornalistici non sono più numeri di statistica ma vite in lotta per la sopravvivenza”.

Mentre le altre Menzioni Speciali sono state assegnate a Pasquale Leone, scout incaricato regionale per il settore Giustizia, Pace e Non Violenza dell’Agesci Campania e presidente dell’Aps TerradiConfine di Ponticelli. “Per essere instancabile educatore, sempre pronto a servire in memoria delle vittime innocenti e per la libertà da ogni tipo di mafia. Ha fatto della resistenza la sua bandiera di vita restituendo speranza”;

Massimo Antonelli coach di Tam Tam Basket, “Per la sua dedizione ed il suo impegno. Grazie alla sua caparbietà ragazzi italiani nati da genitori stranieri non vivono più la disparità di trattamento” e Takoua Ben Mohamed fumettista tunisina di cittadinanza italiana “Attraverso le sue graphic-novel lotta contro il razzismo e contro l’islamofobia. Indossando con fierezza il suo velo, affianca le femministe del nuovo millennio per una rinnovata autodeterminazione”.

Il Premio Nazionale don Diana – Per amore del mio popolo è stato istituito dal Comitato don Diana, Libera Caserta e dalla famiglia di don Giuseppe Diana ucciso a Casal di Principe il 19 marzo del 1994. Promotori del Don Diana Day, insieme al Comitato don Peppe Diana ed il coordinamento provinciale Libera Caserta, sono il Comune di Casal di Principe e la Croce Rossa Italiana sezione di Casal di Principe.

La cerimonia si svolgerà con il contributo finanziario della Camera di Commercio di Caserta e con sostegno di Fondazione CON Il SUD, del progetto Fucina e del Pon Nuove Comunità Organizzate.