Premio Melagrana, al Teatro Parravano si premia il regista Matteo Garrone e il Movimento Rifugiati e Migranti

Mamadou Kovassì con Sting
Mamadou Kovassì con Sting, paladino dei diritti umani, incontrato nel corso dei vari viaggi tra Hollywood e New York per la promozione di Io Capitano e invitato a Caserta
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Si terrà il 16 Gennaio 2024 alle ore 20:00 presso il Teatro Comunale di Caserta la Cerimonia di Premiazione della quinta edizione del Premio Melagrana

Dal palco del Parravano anche l’appello di Mamadou Kovassi affinchè Caserta torni ad essere città di accoglienza

Quest’anno l’Associazione Melagrana ha conferito una Menzione Speciale oltre che al regista Matteo Garrone, “Per l’umanità e la forza del legame che è riuscito a far emergere dalle immagini del suo film Io Capitano“, anche al Movimento Migranti e Rifugiati di Caserta, riconoscimento assegnato in virtù del costante impegno nel difendere i diritti umani fondamentali.

glp-auto-336x280
lisandro

Nel caso del film ‘Io Capitano’ si affrontano tematiche come il diritto di viaggiare, la speranza che un giorno possa essere fatto in sicurezza e libertà, senza mettere a rischio la propria vita. È un messaggio che va diffuso e supportato, come sta facendo Mamadou Kovassi Idris durante i suoi tour globali per promuovere il film. Egli trasmette l’importanza del semplice diritto di sognare.

L’appello di Mamadou Kouassi affinché Caserta torni ad accogliere persone in fuga da guerra e povertà. Dopo 15 anni di buona accoglienza, da quasi un anno il progetto del Comune di Caserta per migranti adulti è sospeso. Sarebbe dovuto ripartire la scorsa estate, ma tutto è ancora fermo.

Se ne parlerà dunque al Teatro Comunale Parravano nel corso di una bella serata, tra musica e impegno civile di diverse realtà premiate. Ingresso libero e senza prenotazione.

Matteo Garrone, Mamadou Idris Kovassì e tutto il cast del film sono reduci da pochi giorni dalla 81ª edizione dei Golden Globe che ha avuto luogo il 7 gennaio 2024 al Beverly Hilton Hotel di Beverly Hills, California. Un premio purtroppo che non è andato al film Io Capitano ma la cui candidatura è stata per il Movimento Migranti già un qualcosa di unico.

“È la città di Caserta, grazie al racconto di Matteo Garrone ad essere arrivata fin laggiù, una città che ha tanto di cui parlare riguardo il messaggio di accoglienza e antirazzismo che porta avanti, grazie alle esperienze storiche di associazioni, movimenti e attivisti.

Una città in cui però oggi pesa più che mai l’assenza di un sistema di accoglienza per migranti adulti, sospeso da circa un anno, che il Comune di Caserta ancora non riattiva.
Il percorso del film continua, e noi con esso a portare la storia del Movimento Migranti e Rifugiati di Caserta e le lotte di migliaia di persone per i diritti negati da leggi europee e nazionali”.