Premio Volturno al Presidente dell’EAV De Gregorio in occasione del Festival del Verde

Angelo Fasulo, Umberto De Gregorio, Vincenzo Girfatti e Tammaro Cassandro
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Il riconoscimento per il rilancio della linea ferrata Napoli-Piedimonte e per la linea Matese Express anche al Presidente della Comunità Montana Vincenzo Girfatti. Le targhe di merito all’olimpionico di tiro a volo Tammaro Cassandro ed all’imprenditore dei trasporti Angelo Fasulo.

Il Premio Volturno 2023 riservato ai benemeriti del territorio è stato attribuito al Presidente dell’Ente Autonomo Volturno ing. Umberto De Gregorio per il rilancio della linea ferroviaria Napoli-Caserta-Caiazzo-Piedimonte Matese con la messa in esercizio di nuovi convogli e l’attivazione del progetto Matese Express con viaggi tematici programmati su misura per un’utenza interessata alla natura, allo sport, all’enogastronomia, ai beni artistici e monumentali.

glp-auto-336x280
lisandro

La cerimonia di consegna, organizzata da un decennio dall’Associazione Stampa della Provincia di Caserta con la collaborazione del Comune di Caiazzo, avrà luogo sabato 1 aprile alle ore 12 nel Parco San Bartolomeo a Caiazzo in occasione della giornata di apertura del Festival del Verde.

Oltre che al Presidente dell’Eav il Premio, giunto alla ottava edizione, andrà anche al Presidente della Comunità Montana del Matese Vincenzo Girfatti, in prima linea per la realizzazione del progetto Matese Express volto alla valorizzazione delle zone interne di Terra di Lavoro.

All’olimpionico di tiro a volo Tammaro Cassandro, di Capua ed all’imprenditore dei trasporti Angelo Fasulo di Caiazzo, da oltre 50 anni al servizio della mobilità, andranno le targhe di merito, assegnate ai benemeriti del territorio, in particolare quello attraversato dal fiume Volturno, il corso d’acqua più lungo del Sud, simbolo non solo naturalistico ma anche storico di Terra di Lavoro.

Le scelte sono state curate dall’apposita commissione composta dal sindaco di Caiazzo Stefano Giaquinto, dai giornalisti Michele De Simone e Franco Tontoli dell’Assostampa e Lucio Bernardo delegato Unione Stampa Sportiva Italiana, dall’imprenditore Loreto Marziale.

Al Premio Volturno, riservato ai benemeriti del territorio, è stato affiancato da alcuni anni il Premio Orchidea fiore simbolo delle alture dell’Alto Casertano, attribuito a studiosi ed esperti di botanica, direttori di giardini storici , promotori del turismo sostenibile e dell’ambiente.

Per il 2023 il riconoscimento, che verrà consegnato domenica 2 aprile alle ore 11.30 al Parco San Bartolomeo di Caiazzo, è andato ad Alessandra Vinciguerra, presidente della Fondazione William Walton e direttrice dei Giardini La Mortella di Ischia, tra i più affascinanti dell’Italia, noti in tutto il mondo.

Il premio è stato deciso dalla commissione giudicatrice composta dall’architetto Nicola Tartaglione dirigente Associazione Gia.Da.(Giardini e Dimore dell’Armonia), da Maria Rosaria Iacono presidente sezione di Caserta di Italia Nostra, da Dolores Peduto Presidente dell’Associazione Green Care, da Loreto Marziale dirigente della Associazione “Giardini del Volturno”, dal designer e artista Alberto Grant.

Al Festival del Verde si potrà assistere dalla mattina di sabato 1 aprile alla serata di domenica 2 nel parco San Bartolomeo, che si estende nella vallata di Cesarano attraversata dal fiume, in località Pantaniello a pochi chilometri dall’antico centro storico di Caiazzo.

Un vero e proprio “contenitore verde”, occasione per appassionati o anche semplici curiosi di conoscere specie e varietà botaniche particolari, inoltre prodotti dell’artigianato e dell’enogastronomia locale. In programma inoltre laboratori creativi, mostre, visite guidate, incontri e conferenze, oltre che concerti musicali, esibizioni di gruppi folk e di danza.

Il parco San Bartolomeo si estende per 40 mila metri quadri in un succedersi di viali e giardini popolati da specie arboree esotiche e mediterranee. All’interno una piccola oasi naturalistica con piante rare e una fauna protetta, dove abitano animali esotici come cicogne, marabù, pellicani e fenicotteri.