Premio Volturno per il Rilancio delle Zone Interne al Festival del Verde dedicato a Loreto Marziale

Premio Volturno per il Rilancio delle Zone Interne al Festival del Verde dedicato a Loreto Marziale
glp-auto-700x150
mywell
previous arrow
next arrow

In occasione del Festival del Verde dedicato a Loreto Marziale, il Parco San Bartolomeo a Caiazzo è pronto ad ospitare una prestigiosa cerimonia: la consegna del Premio Volturno per il Rilancio delle Zone Interne.

Tra i meritevoli del territorio, saranno premiati il Cira (Centro Italiano Ricerche Aerospaziali) di Capua, il Direttore del Museo Campano Gianni Solino, la regista Barbara Rossi Prudente, curatrice del docufilm “La via dell’acqua”, l’artista Micaela Signorini della famiglia proprietaria dell’azienda Cirio e la biologa Angela Clemente, esperta del chimismo delle acque sotterranee.

Nel dettaglio, il Premio Volturno 2024 verrà assegnato al Cira di Capua di cui il Direttore Generale, l’Ingegnere Fabrizio Vecchi, guida un complesso scientifico d’eccellenza a livello mondiale nelle vicinanze del fiume Volturno.

L’evento, promosso dall’Associazione Stampa della Provincia di Caserta, in collaborazione con il Comune di Caiazzo, si terrà sabato 20 aprile alle ore 12 nel salone delle Feste del Parco San Bartolomeo-green events in concomitanza con l’apertura del Festival del Verde.

Il Premio Volturno

Il Premio Volturno, alla sua nona edizione, sarà assegnato non solo al Cira, ma anche a personalità di spicco del territorio legate al simbolo storico e naturalistico della Terra di Lavoro: il fiume Volturno.

el-paradise
sancarlolab-336-280
previous arrow
next arrow

Tra i nominati, troviamo il Direttore del Museo Campano di Capua Gianni Solino, la regista Barbara Rossi Prudente, autrice del docufilm “La via dell’acqua” dedicato al Volturno, l’artista Micaela Cioc Signorini, appartenente alla storica famiglia proprietaria delle Aziende Cirio, e la giovane biologa Angela Clemente, esperta in chimismo delle acque sotterranee, autrice di una ricerca nella Valle di Cesarano a Caiazzo.

La commissione, composta dal sindaco di Caiazzo Stefano Giaquinto, dai giornalisti Michele De Simone, Franco Tontoli e Lucio Bernardo, da Nicola Tartaglione dell’Associazione Giada, da Maria Rosaria Iacono e Dolores Peduto, dirigenti di Associazioni naturalistiche, dal grafico Alberto Grant e da Rosanna e Maria Marziale, in rappresentanza della proprietà di San Bartolomeo, ha selezionato con cura i nomi dei candidati. La tradizione di scegliere personalità legate al territorio è stata rispettata e valorizzata.

Il Premio Volturno, un riconoscimento dedicato a coloro che si sono distinti nel territorio, è stato affiancato da alcuni anni dal Premio Orchidea, il fiore simbolo delle alture dell’Alto Casertano. Quest’ultimo premio è stato ideato dall’Associazione Giardini del Volturno ed è destinato a studiosi ed esperti di botanica, direttori di giardini storici, promotori del turismo sostenibile e dell’ambiente.

Il Premio Orchidea

Per il 2024, il Premio Orchidea è stato assegnato a due personalità degne di nota: Giorgio Vuilleumier, Direttore del meraviglioso Giardino di Villa Cimbrone a Ravello, e Antonio Maisto dell’azienda Royal Garden, responsabile del progetto “Semi” per la riqualificazione e valorizzazione delle antiche serre borboniche del Giardino Inglese della Reggia di Caserta. La cerimonia di consegna dei premi si svolgerà sabato 20 aprile alle ore 12:00 presso il Parco San Bartolomeo di Caiazzo, in coincidenza con il Premio Volturno.

La commissione giudicatrice, presieduta dall’architetto Nicola Tartaglione, dirigente dell’Associazione Gia.Da. (Giardini e Dimore dell’Armonia), è stata composta da Maria Rosaria Iacono, dirigente della sezione di Caserta di Italia Nostra, Dolores Peduto, Presidente dell’Associazione Green Care, nonché dal designer e artista Alberto Grant.

Il primo giorno del Festival del Verde si concluderà con un evento imperdibile per gli amanti della gastronomia. Il Concorso Gastronomico Green, patrocinato dal Consorzio di Tutela della mozzarella di bufala campana Doc e riservato agli allievi dell’Istituto Alberghiero “Galileo Ferraris” di Caserta, presenterà piatti a km. zero. La loro creatività e abilità culinaria saranno valutate da un giudice d’eccezione, il giovane chef Domenico Marotta, proprietario del rinomato ristorante in località Squille di Castel Campagnano. Un’occasione unica per gustare deliziose pietanze e apprezzare i sapori autentici della Campania.

Una suggestiva location

Il Festival del Verde si svolgerà nel suggestivo parco San Bartolomeo, sito nella vallata di Cesarano e attraversato dal fiume, a pochi chilometri dall’affascinante centro storico di Caiazzo. La vetrina perfetta per gli appassionati di botanica, ma anche per i semplici curiosi alla ricerca di specie vegetali uniche, prodotti tipici dell’enogastronomia locale – tra cui spicca la deliziosa mozzarella di bufala – e artigianato.

Il ricco programma prevede laboratori creativi, mostre, visite guidate, incontri e conferenze, oltre a concerti musicali, esibizioni folk e di danza. L’Associazione “Volare sull’arte” offre anche un’imperdibile opportunità di ammirare il meraviglioso panorama del Medio Volturno a bordo di una mongolfiera.

Il parco San Bartolomeo, che si estende su 40.000 mq, offre un’esperienza verde a tutto tondo, grazie ai suoi viali e giardini abitati da esotiche e mediterranee specie arboree, oltre a una piccola oasi con piante rare e fauna protetta, che ospita cicogne, marabù, pellicani e fenicotteri. Non mancate!