Presentazione del libro dell’architetto Salvatore Costanzo: “Marcianise e la cartografia storica sulla scena europea (1558-1961)”

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Marcianise e la cartografia storica sulla scena europea (1558-1961)” è il titolo del libro, di elevato rigore scientifico, scritto dall’architetto Salvatore Costanzo che sarà presentato nel pomeriggio di sabato 24 febbraio presso il salone degli Specchi del Circolo Nazionale di Caserta.

L’evento, promosso dal Rotary Club di Caserta Luigi Vanvitelli, dal Liceo Statale Alessandro Manzoni di Caserta e dallo stesso Circolo Nazionale, offre uno spunto di riflessione sull’importanza della cartografia, prodotto dell’ingegno umano, indispensabile strumento di comunicazione e di narrazione simbolica di un territorio.

lapagliara
sancarlolab-336-280
previous arrow
next arrow

L’inizio della presentazione del volume è previsto per le ore 17:30. L’evento rientra tra le attività promosse del Club Rotary Luigi Vanvitelli per la conoscenza e valorizzazione dell’area geografica di Terra di Lavoro.

I saluti del presidente del Circolo Gianfranco Foglia, del presidente del R.C. Luigi Vanvitelli Gianluca Parente e della Dirigente Scolastica Adele Vairo apriranno la presentazione del libro che sarà effettuata da Giuseppe Diana, giornalista e avvocato di Aversa.

La giornalista Laura Ferrante, in qualità di moderatrice, si intratterrà con l’autore in una piacevole conversazione sulla città di Marcianise, soffermandosi sugli artefici, sui processi evolutivi e sulla trasformazione dei luoghi: da Pirro Ligorio al Beguinot.

Salvatore Costanzo, classe 1954, di Marcianise, è architetto, urbanista, accademico di Paestum Beni Culturali, storico dell’arte e docente di Storia dell’Arte. Da molti anni affianca al lavoro professionale l’attività di ricerca legata alla problematica ambientale e alla conservazione del patrimonio architettonico, storico e artistico della Campania. Direttore artistico di importanti rassegne figurative, Costanzo è autore di numerosi studi critici ed articoli apparsi su quotidiani e riviste. Notevoli le sue partecipazioni a convegni con saggi di ricerche inedite e interventi incentrati su alcuni maestri della pittura napoletana del Cinquecento e Seicento: in tale ambito, particolare significato assume il suo studio sulla scoperta di un’opera tarda di Battistello Caracciolo (1996). Attualmente è Condirettore della collana “Risvegli Culturali”.