Presepe Vivente del ‘700 Napoletano a Vaccheria di Caserta: domenica 30 dicembre secondo appuntamento

Caserta – Domenica, 30 dicembre 2018, ci sarà la seconda rappresentazione dell’anno del tradizionale Presepe Vivente del ‘700 Napoletano di Vaccheria di Caserta. Si replicherà poi a gennaio, più esattamente il 5 e il 6 gennaio 2019. Dalle ore 17,00 alle ore 20,00. L’ingresso gratuito.

Per l’occasione, come è di consuetudine, sarà attiva la limitazione al traffico veicolare al Borgo di Vaccheria,  inoltre via Vaccheria, la strada comunale interna che collega San Leucio alla piazza Madonna delle Grazie, sarà a senso unico a scendere, direzione San Leucio.

Tuttavia, vale la pena segnalare che, in occasione del Presepe Vivente, è disponibile il servizio navetta gratuito che collega l’ampio parcheggio gratuito sito in via Tenga a San Leucio fino al luogo della manifestazione.

In occasione della prima rappresentazione di quest’anno, quella del 26 dicembre, l’evento ha fatto registrare un boom di presenze: oltre 9000 visitatori, complice anche il bel tempo e la circostanza non trascurabile che l’evento è completamente gratuito.

Domani, in concomitanza alle ore 18:00 con la partita di basket al Pala Decò della Juvecaserta, si prevede un forte afflusso di auto. In particolare all’uscita Caserta Ovest della Variante Anas si prevedono lunghe code. Pertanto, consigliamo a coloro volessero recarsi ad assistere al presepe o alla partita, di anticiparsi per tempo.

Il Presepe Vivente del ‘700 Napoletano

Il Presepe Vivente del ‘700 Napoletano si sviluppa su un percorso di circa un chilometro attraverso le vie del borgo della Vaccheria e il bosco adiacente, ai lati del quale vengono ricreate scene, ambienti e visioni bibliche, alcune delle quali apocrife ma opportunamente studiate e acquisite dalla tradizione napoletana.

Il presepe napoletano tradizionale viene riproposto in una visione tecnicamente più vicina agli usi e costumi settecenteschi del luogo, coinvolgendo così ogni visitatore in un’avventura scenografica senza precedenti. Sono le fonti storiche dalle quali l’attenta regia attinge per la ricostruzione di ogni singola scena, a partire dai bozzetti originali attraverso i quali vengono riprodotti i costumi interamente realizzati a mano con autentici tessuti di San Leucio, fino ad arrivare allo studio del meccanismo degli antichi telai, ancora oggi funzionanti.