Processo simulato su di un femmincidio, l’evento al Circolo Nazionale di Caserta

Un processo simulato su di un femmincidio, l'evento al Circolo Nazionale di Caserta, organizzato dall’Avv. Maria Orlando
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Il 18 marzo del 2024 presso il Circolo Nazionale di Caserta si è tenuto il processo simulato su di un caso di femminicidio di una donna incinta organizzato dall’Avv. Maria Orlando con il Coordinamento Provinciale di Caserta di Fratelli d’Italia, con il Patrocinio morale dell’Ordine degli Avvocati di S. Maria C.V. e del Tribunale di Napoli Nord.

L’idea di trattare un processo su di un tema così delicato ed attuale, su una storia inventata, nasce dalla volontà di spiegare praticamente cosa succede e si può fare per prevenire il femminicidio, ricorrendo agli efficaci strumenti offerti dalla L. 168/2023, cosa succede nell’accadimento del reato e quali le conseguenze in termini di pene e condanne”.

lapagliara
sancarlolab-336-280
previous arrow
next arrow

Hanno partecipato al processo simulato, fornendo un apporto professionale di altissimo livello, oltre all’Avv. Maria Orlando, Consigliere dell’Ordine e Dirigente di FdI, la Dr.ssa Eliana Colamatteo, Responsabile cittadina di Gioventù Nazionale FdI, la Dr.ssa Maddalena Corvino, Responsabile Dipartimento cittadino Pari Opportunità FdI, e gli Avv. Tiziana Barrella, Criminologa ed Esperta CNV e linguaggio del corpo, Avv. Camillo Irace, Docente diritto penale Università “Vanvitelli”, Avv. Michele Di Fraia, Penalista del Foro di S. Maria C.V. e l’Avv. Igino Nuzzo, Penalista del Foro di S. Maria C.V. e componente Assemblea Nazionale FdI.

Un processo simulato su di un femmincidio, l'evento al Circolo Nazionale di Caserta, organizzato dall’Avv. Maria Orlando

Affollata la platea anche con la presenza dei parlamentari di FdI On. Gimmi Cangiano ed On. Marco Cerreto oltre che del Consigliere Regionale di FdI On. Alfonso Piscitelli, dei Consiglieri comunali di FdI Avv. Paolo Santonastaso, Avv. Andrea Boggia, avv Fabrizio Zarone e degli amministratori e dirigenti della provincia.