Progetto A.M.A.: successo per lo spettacolo organizzato dal Rotary Club Caserta “Terra di Lavoro 1954”

glp-auto-700x150
mywell
previous arrow
next arrow

Il Teatro “Città di Pace” di Caserta, gremito per l’occasione, ha ospitato lo spettacolo musicale intitolato A.M.A. (Autismo Musica e Abbracci) in occasione della Giornata di Sensibilizzazione e Consapevolezza sull’Autismo. L’evento è stato organizzato dal Rotary Club Caserta “Terra di Lavoro 1954” in collaborazione con diverse associazioni, tra cui “Il mio mondo esiste” di Chiara Guerriero, “La Forza del Silenzio”, “Ama” di Casagiove e la realtà sportiva Open. La Commissione D.E.I. (Diversità, Equità e Inclusione) del Rotary ha gestito l’evento per garantirne il successo.

Il Maestro Francesco Salinari, un pianista diplomato al Conservatorio di Taranto, si è esibito sul palcoscenico con esecuzioni soliste che hanno accompagnato il coro Minipolifonica Casertana dell’Associazione musicale Casertana, guidato dalla socia Rotary, Rosalba Vestini. Inoltre, Martina del Giudice Hanulya della compagnia teatrale “La Mansarda – Teatro dell’Orco” di Roberta Sandias e Simone Casertano, giovane pianista casertano, hanno offerto il loro contributo musicale per un’esperienza spettacolare unica.

el-paradise
sancarlolab-336-280
previous arrow
next arrow

Infine, il teatro ha proiettato il video ambientalista “L’Uomo” di Steve Cutts sullo sfondo di una meravigliosa esecuzione di Grieg’s “Il Re della Montana” da parte del Maestro Salinari. Tutto lo spettacolo è stato reso possibile grazie alla sinergia perfetta tra le varie associazioni coinvolte.

All’evento erano presenti anche importanti figure come il Presidente del Rotary Club Caserta “Terra di Lavoro 1954”, Vincenzo Iorio, il Vescovo di Caserta, Monsignor Pietro Lagnese, il deputato Marco Cerreto e il Vicario del Prefetto di Caserta, Biagio Del Prete, accanto al quale si è svolto lo spettacolo A.M.A. che ha trasmesso un forte messaggio di speranza alle famiglie che vivono con l’autismo e a tutti coloro che lavorano e si occupano di questa condizione. Ascoltare il Maestro Francesco Salinari, applaudito dalla platea, ha dimostrato che l’autismo può essere gestito e trattato, ottenendo maggiore autonomia, purché si trovi la chiave giusta. Per il Maestro la musica rappresenta tale chiave, ma per altri può essere l’arte, come ha dimostrato Salvo.

Salvo è un bambino originario di Caserta e figlio di Marilù, che ha dato vita al progetto “SonoSalvo” finanziato dall’Unione Europea. Grazie a questo progetto, è stato possibile stampare un fumetto e vari disegni di Salvo su gadgets distribuiti in tutta Europa. Durante l’evento A.M.A., dove Salvo era presente con la sua mamma, il cappellino da lui realizzato è stato indossato dai bambini del coro della Minipolifonica. Il ricavato del progetto “SonoSalvo” è destinato all’organizzazione non profit “La Forza del Silenzio”, che si occupa delle terre e dei beni confiscati alla camorra a Casal di Principe.

Lo spettacolo A.M.A. rappresenta solo l’inizio di un progetto che prevede non solo incontri nelle scuole, ma anche l’obiettivo di sensibilizzare i giovani sui temi dell’educazione civica e dell’inclusione.

Alla fine dello spettacolo, i rappresentanti delle associazioni delle famiglie autistiche hanno presentato quattro richieste al Comune di Caserta, all’ASL, alla Regione Campania e all’Unione Europea. Questi obiettivi, mirano a restituire dignità alle vite delle famiglie già provate e in difficoltà, che ogni giorno compiono grandi sacrifici e che chiedono semplicemente il rispetto dei diritti per i più fragili, a partire dall’assistenza adeguata. Il tono utilizzato è professionale.

“Voglio ringraziare la commissione D.E.I. – ha spiegato il Presidente del Rotary Club Caserta “Terra di Lavoro 1954”, Vincenzo Iorio – e tutte le associazioni coinvolte, per la realizzazione di un evento pieno di emozioni. Vedere un teatro stracolmo è stato il segno tangibile della sensibilità verso un tema delicato e per il quale possiamo fare molto altro ancora. Il successo di questa iniziativa dimostra una volta di più la necessità di rafforzare la sinergia tra le associazioni che lavorano sul territorio, al fine di raggiungere risultati di fondamentale importanza per l’intera comunità”.