Progetto Sprar Caserta, si torna a manifestare: sabato 30 novembre presidio pubblico a Piazza Prefettura

C’è delusione ma non arresa tra i responsabili del Csa Ex Canapificio di Caserta, ancora nessuna novità, ancora in strada senza una sede, ma si continua a lottare.

Da molti mesi senza più un posto dove svolgere le attività, preoccupati dall’inaccettabile ritardo dei fondi del progetto accoglienza Sprar di Caserta e allarmati dalle interpretazioni restrittive e ingiuste dei Decreti Sicurezza, sabato 30 Novembre si torna dunque in Piazza per chiedere alle istituzioni risposte concrete a tutela dei diritti di migliaia di persone, dalle 10 in Piazza della Prefettura a Caserta.

I punti salienti della manifestazione:
– I fondi del progetto Sprar, che a Caserta accoglie fino a 200 persone, dà lavoro a 40 operatori, sostiene iniziative come il Piedibus, i laboratori per bambini e la cura degli Spazi verdi, sono ancora fermi al Ministero dell’Interno.
Lo Sprar rischia di morire: i fondi devono arrivare subito!

-L’Ex Caserma Sacchi è stata individuata dal Comune per diventare la ”Casa del Sociale” che manca a Caserta e dare così un tetto alle associazioni rimaste senza sede. Bisogna rendere concreta questa proposta in tempi rapidi!

-I Decreti sicurezza stanno calpestando i diritti di migliaia di persone: si chiedono tutele concrete per chi scappa dalla guerra e dalla povertà!

INFO: 3661403238 contatti@csaexcanapificio.it
Facebook-Instagram-Twitter-Youtube ”Csa Ex Canapificio Caserta”

Loading...