Prosegue la raccolta fondi pro Ospedale Melorio, Aveta denuncia le gravi carenze della struttura

Le associazioni sammaritane “Futuro 2030”, “Passione civica”, “Adotta la Città”, proseguono la raccolta fondi per l’Ospedale Melorio. “Ad oggi – riferisce Raffaele Aveta, promotore dell’iniziativa – abbiamo già raccolto 7000,00 euro.

Puntiamo a devolvere all’Ospedale almeno la somma 10.000,00 euro. I fondi raccolti saranno spesi per l’acquisto di attrezzature mediche utili a fronteggiare l’emergenza coronavirus anche se il Melorio non è stato individuato come centro covid.

Ci segnalano che allo stato presso il nosocomio sammaritano ci sono diverse urgenze, a partire dalla carenza dei presidi di protezione per i sanitari. C’è la necessità, poi, di attrezzare la stanza asettica, già realizzata, in modo da poter accogliere anche pazienti con gravi sintomi respiratori in codice giallo/rosso per evitare che gli stessi, entrando in pronto soccorso, ne provochino il blocco qualora si accerti la positività al coronoavirus.

A tal fine occorre dotare la stanza asettica di un sistema di ossigeno/aria/vuoto, di un monitor, di un defibrillatore, di un ventilatore meccanico e di un carrello per le emergenze.

Occorre acquistare ventilatori, caschi e strumentazione per ventilazione invasiva e non, nonché apparecchi per il monitoraggio delle funzioni vitali e tutto quanto necessario per la terapia intensiva e d’urgenza. 

Questa strumentazione è anche necessaria per aumentare il livello di assistenza nei box del pronto soccorso e nei reparti ospedalieri attualmente presenti. Abbiamo già contattato la direzione generale per programmare le donazioni.

Provvederemo a pagare direttamente le aziende allo scopo di velocizzare gli acquisti oppure consegneremo i fondi direttamente all’ASL per attrezzare il nostro Ospedale. Uniamo le forze, non facciamo mancare il nostro sostegno alla  Comunità“.